3 gennaio 2015

Olimpiadi 2024, un business per lo sport

Anche Roma in lizza

Matteo Renzi candida Roma alle Olimpiadi 2024

Ha fatto molto scalpore in questi giorni la candidatura di Roma per ospitare in Italia le Olimpiadi 2024.

L’atteso annuncio è arrivato dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in occasione della cerimonia di consegna dei Collari d’Oro 2014: “L’Italia si candida alle Olimpiadi del 2024, con Roma al centro del progetto, e non lo faremo con lo spirito di De Coubertin, per partecipare: lo faremo per vincere, statene certi”.

Se l’Italia  riuscirà a battere la concorrenza, in primis gli Stati Uniti, potrà trovare una nuova fonte di business dall’importante kermesse.

“La candidatura di Roma per ospitare in Italia le Olimpiadi 2024 – commenta Luca Businaro, Presidente di Assosportè un segnale estremamente positivo per tutto il movimento sportivo e per l’industria dello sport che vede, proprio in Italia, l’eccellenza nei materiali e nei prodotti venduti in tutto il mondo. In termini di fatturato significherebbe almeno un +20% , considerando anche l’indotto”.

Le aziende dello sportsystem plaudono alla scelta di candidare l’Italia alle Olimpiadi 2024 come occasione eccezionale per rilanciare l’immagine del Belpaese e di tutte le imprese, in particolare quelle che lavorano nel comparto sportivo.

“Il cammino – dichiara Businaro - sarà complicato ma l’affiatamento delle aziende che si contraddistinguono sempre per dinamismo e concretezza nella vittoria delle sfide del mercato, la collaborazione con il CONI e con il Governo Italiano, saranno un volano. A livello Europeo il comparto sportivo è visto come industria d’elite nella quale ogni euro speso crea valore aggiunto e nuovi posti di lavoro. Sarà possibile vincere  la sfida portata avanti dal Sistema Italia e dal Gruppo di Lavoro in Squadra, concetti unici dell’industria sportiva rispetto a ogni altro settore industriale. E’ importante inoltre aggiungere che la candidatura italiana coincide con la  Presidenza Industriale per lo Sport in Italia ed Europa”.

Da alcuni mesi Businaro riveste anche il ruolo di Presidente FESI. Notizia fresca è la realizzazione di un “European Parliament Intergroup on Sport”.

“Siamo riusciti – spiega Businaroa ottenere un grandissimo risultato: questo nuovo organo in seno al Parlamento europeo guiderà discussioni su argomenti sportivi e lavorerà per focalizzare l’attenzione sulle esigenze politiche specifiche. Dai buoni risultati in Europa dobbiamo spingere per rilanciare l’economia italiana, qual miglior volano che le Olimpiadi?”.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.