6 luglio 2015

Obama per i Mondiali di calcio femminili 2015

Le calciatrici degli Stati Uniti invitate alla Casa Bianca

Vincitrici Mondiali di calcio femminili 2015

Tempo di festeggiamenti per gli Stati Uniti d’America.

Archiviate le tradizionali celebrazioni del 4 luglio culminate in uno sfavillante show pirotecnico, gli USA hanno avuto nel weekend un’altra occasione per sventolare con orgoglio la propria bandiera a stelle e strisce.

La nazionale americana ha vinto la finale dei Mondiali di calcio femminili 2015 battendo la spedizione giapponese 5 a 2 in quel di Vancouver. Carli Lioyd e compagne hanno messo in bacheca la vittoria già nel primo tempo, segnando 4 gol dopo soli 16 minuti di gioco.

La tripletta del capitano degli Stati Uniti e le reti di Lauren Holiday e Tobin Heath sono state sufficienti per mettere la firma americana sulla FIFA Women’s World Cup 2015, la terza nella storia del club.

Tobin Heath

Il Presidente Barack Obama dopo aver fatto gli auguri alla sua nazionale via Twitter poco prima del calcio di inizio, ha ufficialmente invitato alla Casa Bianca l’intero team in rosa: “Venite presto alla Casa Bianca con la Coppa del Mondo” e ancora “Che vittoria per la squadra Usa. Incredibile gara per Carli Lloyd. Il Paese è così orgoglioso di tutte voi”.

Ultima curiosità, legata all’oggetto più conteso in campo: il pallone.
Se ai Mondiali di Rio adidas aveva presentato Brazuca, per la finale dei Mondiali femminili di quest’anno ha realizzato per la prima volta un pallone ufficiale, su misura: Conext15 Final Vancouver.

Conext15 Final Vancouver

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.