12 ottobre 2015

Nobel 2015, tutti i premi

Dalla cura contro la malaria alla democrazia tunisina

Medaglia Nobel 2015

La lista dei vincitori, che dovrà spartirsi l’assegno da circa 860mila euro destinato ai Premi Nobel 2015, è completa.

E’ da lunedì 5 ottobre che l’Accademia di Svezia sta snocciolando i nomi delle personalità di spicco che, grazie alle loro ricerche, scoperte e invenzioni nel campo della medicina, fisica, chimica, letteratura, pace ed economia, “apportano considerevoli benefici all’umanità”.

Il prestigioso premio istituito dal chimico e industriale svedese Alfred Nobel ha visto lievitare il montepremi totale da 150.782 corone svedesi del 1901 a 8 milioni di corone svedesi del 2015. Dal 2001 al 2011 il jackpot del Premio Nobel ha raggiunto la cifra record di 10 milioni di corone svedesi, per stabilizzarsi sugli 8 negli ultimi 4 anni.

Oggi è stata svelata l’identità anche dell’ultima eminenza grigia dell’anno: Angus Deaton, numero uno per l’Economia grazie ai suoi studi su consumi, povertà e welfare. Ma vediamo chi sono anche gli altri personaggi chiave del 2015, per cervello e merito.

Angus Deaton

William C. Campbell, Satoshi Ōmura e Youyou Tu sono i Premi Nobel 2015 per la Fisiologia e Medicina. I primi due lo hanno vinto per i loro studi sulle infezioni causate da parassiti chiamati nematodi, la terza per le sue scoperte legate alle terapie contro la malaria.

ll Nobel per la Fisica 2015 è stato assegnato a Takaaki Kajita e Arthur B. McDonald per aver dimostrato che anche le particelle più sfuggenti dell’universo, i neutrini, hanno una massa.

Il Premio Nobel 2015 per la Chimica, assegnato mercoledì 7 ottobre, è stato vinto invece da Tomas Lindahl, Paul Modrich e Aziz Sancar per aver aperto la strada a nuove cure anticancro a partire dal modo in cui le cellule riescono a riparare i danni che avvengono nel Dna.

Assegnato dall’Accademia di Svezia, giovedì 8 ottobre è stato il turno del Premio Nobel per la Letteratura. Dopo lo scrittore francese Patrick Modiano, quest’anno il riconoscimento è andato alla bielorussa Svetlana Alexievich “per la sua opera polifonica, un monumento alla sofferenza e al coraggio del nostro tempo”, come si legge nella motivazione della giuria.

La nomina del Nobel per la Pace 2015 è avvenuta lo scorso venerdì 9 ottobre. Il Quartetto per il dialogo nazionale tunisino ha convinto il Comitato di Oslo “per il suo contributo decisivo alla costruzione di una democrazia pluralista in Tunisia dopo la rivoluzione dei Gelsomini del 2011”.

Svetlana Alexievich

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.