17 luglio 2015

New York Fashion Week sfilate moda uomo primavera estate 2016

Il meglio della prima edizione di New York Fashion Week: Men’s

New York Fashion Week: Men’s – Polo Ralph Lauren, estate 2016

Con la sfilata di John Varvatos, tornato a New York dopo sette anni alla Milano Fashion Week, si è chiusa ieri, giovedì 16 luglio, la prima edizione della New York Fashion Week: Men’s.

Dopo Firenze, con Pitti Uomo 88, e le fashion week di Londra, Milano e Parigi, la moda maschile per la primavera estate 2016 è tornata ad essere protagonista a New York, dopo una parentesi dedicata all‘haute couture per l’inverno 2015.

La prima fashion week dedicata al menswear, e sponsorizzata principalmente da Amazon, ha visto andare in scena una cinquantina di brand. Grandi della moda made in USA e giovani e talentuose maison emergenti si sono confrontate, con successo, con una nuova piattaforma fortemente voluta dal Council of Fashion Designers of America (Cfda).

Attesissima dunque, questa prima edizione di New York Fashion Week: Men’s ha avuto come protagoniste le collezioni moda uomo per la primavera estate 2016 di Calvin Klein e Tom Browne, che come da migliore tradizione americana puntano tutto o quasi sul jeans e le sue declinazioni, Michael Kors, che porta in vacanza i suoi uomini con una valigia fatta di abiti dal mix-match di tessuti anche ardito e per questo vincente, o Polo Ralph Lauren Men, che va a confermare l’estetica preppy del designer.

Tommy Hilfiger, tra i principali artefici dell’appuntamento, anche in qualità di membro del Cfda, ha presentato una collezione primavera estate 2016 dal sapore Anni ’50 molto estiva nei colori e rilassata nello spirito. Bermuda e bomber per il tempo libero, completi fit per la città.

New York Fashion Week: Men’s - Tommy Hilfiger,  estate 2016

Parlando di stilisti emergenti, se nella giornata di debutto della kermesse è andata in scena la collezione di Opening Ceremony, durante la seconda giornata di kermesse gli occhi erano tutti puntati, e a ragione, su Rag&Bone. Firmati dagli stilisti Wainwright e Neville salgono in passerella capi ispirati al parkour interpretando un nuovo concetto di street style, che deve lasciare l’uomo libero di compiere movimenti estremi. Tra le antre segnaliamo Public School, che vince anche il titolo di presentazione più creativa, e David Hart, con una collezione stravagante che non passa certamente inosservata.

New York Fashion Week: Men’s - Public School,  estate 2016

In passeralla alla New York Fashion Week: Men’s con le loro collezioni moda uomo per la primavera estate 2016 sono saliti, tra gli altri, anche: Eidos, Nick Graham, Duckie Brown, Todd Snyder, Ovadia & Sons, Michael Bastian, Richard Chai, Nautica, Tim Coppens, Alexandre Plokhov, Billy Reid, Coach, Theory, e Orley.

Se a celebrare questa ondata di sfilate al maschile, a New York e non solo, ci hanno pensato molti figli d’arte, scelti come modelli dalle maison, tra i protagonisti assoluti in passerella c’è stata Rain Dove, discussa modella dal look androgino richiestissima anche dagli stilisti della moda uomo.
Si sa che in quanto a nuove tendenze è New York a dettare le regole quindi non possiamo che scommettere che questa sarà una dei nuovi trend che caratterizzerà il futuro del fashion system.

Rain Dove per Loris Diran   alla New York Fashion Week Men's

Visto il successo di quest’anno, la New York Fashion Week sarà tenuta anche nel 2016 e Amazon Fashion dovrebbe continuare ad essere il principale sponsor dell’evento, risuonano ancora nell’aria, infatti, le parole del presidente, Cathy Beaudoin, che ha dichiarato che “per Amazon la moda uomo è importante tanto quanto quella dedicata alla donna, ed è un settore particolarmente in crescita”.

Non vi resta che sfogliare la nostra gallery per scoprire il meglio delle collezioni moda uomo per la prossima primavera estate 2016 viste alla New York Fashion Week: Men’s.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.