19 aprile 2016

New York Fashion Week guida la rivoluzione delle sfilate

Un vademecum per orientarsi tra il see now, buy now

Sfilate New York

Da quanto il Council of Fashion Designer of America, associazione che coordina e organizza la New York Fashion Week, lo scorso dicembre ha annunciato di voler capire come cambiare l’assetto delle sfilate per favorire il consumatore finale, non sono poche le maison che hanno annunciato di voler seguire questo nuovo trend.

Se il concetto del see now, buy now, ovvero di portare sulle passerelle le collezioni della stagione corrente rendendole disponibili quindi direttamente nei negozi, sembrava ai più un’utopia destinata a pochi o ai piccoli, ecco che maison del calibro di Burberry per primo, Tom Ford, Chloè e molti altri si sono dimostrati favorevoli. Anche Gucci ha dichiarato di volersi adeguare al nuovo modo di sfilare optando però, almeno per ora, per accorpare le sfilate uomo donna lasciando però la stagione di scarto per motivi principalmente legati alla produzione oltre che a una scelta “politica” volendo sostenere il modus lanciato dalla Camera Nazionale della Moda Italiana.

A partire dalle sfilate di settembre 2016, quelle in teoria destinate alle anticipazioni della moda donna per la primavera estate 2017, le fashion week cambieranno e il Cfda ha deciso di redigere una guide line per orientarsi e arrivare pronti al cambiamento.

Alla base della riorganizzazione del Council of Fashion Designer of America la volontà di razionalizzare l’organizzazione di sfilate ed eventi. Il calendario della New York Fashion Week di settembre 2016 sarà dunque organizzato in base alla tipologia di presentazione scelta da designer e brand.

Nelle linee guida del Cfda 5 punti da cui prendere spunto. Tra i consigli spiccano: specificare la stagione che si consiglia presentare, organizzare meeting rivolti esclusivamente a buyer e retailer per le collezioni destinate ad arrivare nei negozi dopo sei mesi, viceversa contattare fashion blogger e influencer per assicurarsi una copertura mediatica immediata qualora si presentino indumenti in-season. A questo viene aggiunto un piccolo glossario per districarsi tra le diverse tipologie di collezioni, dalla resort alla cruise, e un questionario per capire gli aspetti migliorabili.

Il calendario della New York Fashion Week di settembre 2016 verrà svelato fra qualche mese e siamo certi a questo punto che riserverà grandi sorprese.
Quello che già sappiamo per certo è che Diane von Furstenberg, Proenza Schouler e Tommy Hilfiger  testeranno la formula del see now, buy now. Avendo già presentato le collezioni autunno inverno 2016-2017 in occasione della fashion week di febbraio 2016 scopriremo che cosa hanno in serbo per noi.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.