28 aprile 2016

Napoli soggiorno di lusso al Romeo hotel

Tra Giappone, arte e benessere

Romeo hotel – Napoli

La nuova frontiera del design di lusso si trova a Napoli, proprio di fronte al porto, e vede il suggestivo nome di Romeo hotel. Niente a che vedere con il celebre personaggio shakespeariano: si tratta del gioiellino voluto dalla famiglia Romeo per anticipare qualsiasi avanguardia già presente sul mercato turistico italiano.

L’albergo è stato infatti inaugurato nel 2008 al motto di “Think different”, volendosi porre agli occhi del Paese intero come una “esperienza del lusso totalmente nuova, in antitesi con lo stile classico e barocco di ogni altro hotel di Napoli”, così almeno spiegano i proprietari. Protagonista assoluta del design contemporaneo è l’acqua, insieme ai suoi mille significati simbolici: cascate di ogni genere scendono dalla hall centrale fino al ristorante panoramico, anche se la punta di diamante è senza dubbio costituita dalla Diamond Rain, goccioline ad effetto antigravitazionale all’ingresso della Spa.

A vederlo così come è oggi, si direbbe che l’edificio in questione non abbia avuto secoli di importante storia alle spalle; esso sorge invece in quello che fu il celebre Palazzo Lauro, oggi sintesi perfetta tra arte, propensione al futuro e accoglienza. La particolarità probabilmente più evidente del Romeo consiste nel fatto di non aver scelto un architetto italiano per i restauri: la nuova struttura è stata interamente concepita e studiata dallo studio giapponese Kenzo Tange & Associates, in grado di portare a Napoli quel tocco di cultura orientale oggi tanto in voga.

Oltre ad alcuni arredi e ad altri aspetti ornamentali, la zona che più di ogni altra rimanda al Giappone è il Romeo Bar, un’area caratterizzata da marmi, giochi di luce e di nuovo la presenza dell’acqua in movimento in un contesto intimo e rilassante.
Definito “il miglior ristorante giapponese” in città e fuori, esso si contende gli ospiti con Il Comandante, il panoramico stellato Michelin che dal suo decimo piano offre una vista ineguagliabile sul porto di Napoli, proprio di fronte allo svettante Vesuvio.

Romeo Bar @ Romeo hotel - Napoli

Scendendo di una rampa si raggiunge invece la piscina esterna, con idromassaggio e solarium, godibile tutto l’anno poiché riscaldata.

Tutto ciò non è però sembrato sufficiente alla famiglia Romeo per impressionare i turisti e soprattutto per porsi come cinque stelle unico nell’intera Campania; ci sono infatti altre due qualità di questa splendida dimora di cui vale la pena parlare.
La prima è la collezione di opere d’arte permanente allestita nei vari spazi dell’hotel, tra cui spiccano anche i nomi di Schifano, Jodice e Guttuso.
La seconda è la spettacolare Spa interamente giocata su giochi di luce e di atmosfera, a cominciare appunto dalla Diamond Rain, che colpisce e incuriosisce chiunque si trovi a passarci davanti. Una volta varcata la soglia dell’ingresso, si entra in un mondo surreale ampio ben mille metri quadri dedicati al benessere. Presenti una sauna finlandese a infrarossi, bagno turco, tre diverse vasche idromassaggio, un percorso Kneipp, il frigidarium con la cascata di neve, doccia emozionale, stanza del sale e ovviamente un’area relax, oltre alla possibilità di svolgere trattamenti specifici.
Completano il tutto una sala fitness di 300 metri quadrati e un’area dedicata ai bambini, simpaticamente denominata Kids Garden.

Fontana Diamond Rain @ Romeo hotel - Napoli

Chiara Giacobelli

Informazioni utili.
Romeo hotel
Via Cristoforo Colombo 45
80133 Napoli
Tel: 081 6041580
Web: www.romeohotel.it
E-Mail: welcome@romeohotel.it

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.