Luxgallery > Viaggi e Vacanze > Mete > Cultura > Mostre Roma: al Complesso del Vittoriano arriva Antonio Ligabue

Mostre Roma: al Complesso del Vittoriano arriva Antonio Ligabue

Mostre Roma Novembre 2016: al Complesso del Vittoriano apre al pubblico la monografica dedicata a Antonio Ligabue

Antonio-Ligabue-Vittoriano

Tra le grandi mostre in programma a Roma in questo inverno 2016, al Complesso del Vittoriano sta per aprire al pubblico una monografica dedicata ad Antonio Ligabue. Tra le figure più affascinanti del Novecento, l’autore verrà ricordato in questa mostra attraverso 100 lavori che proporranno ai visitatori un excursus storico e critico sull’attualità della sua opera artistica.

Nato a Zurigo nel 1889, Ligabue passa lunghi e tormentati anni vagabondando sino al 1929 quando giunge a Gualtieri, cittadina sulle rive del Po: lì, nel 1929 incontra Renato Marino Mazzacurati – artista della Scuola Romana e poliedrico esponente di correnti artistiche quali il cubismo, l’espressionismo e il realismo – che ne comprende il talento e gli insegna l’uso dei colori a olio, guidandolo verso la piena valorizzazione delle sue doti artistiche. Con uno slancio espressionista, Ligabue si dedica alle rappresentazioni delle continue lotte per la sopravvivenza degli animali della foresta ma anche all’immortalare i suoi stessi tormenti attraverso un centinaio di autoritratti.

In ognuna delle opere in cui ritrae il suo volto, Antonio Ligabue ha cercato di imprimere i tormenti, le ostilità ma anche le debolezze e le incomprensioni che lo hanno segnato e circondato; solo sporadicamente, come fosse un modo per ritrovare la serenità perduta, sceglie invece di imprimere sulla tela scene di vita bucolica e animali. Lungo il percorso della mostra, allestito nell’Ala Brasini del Complesso del Vittoriano, il pubblico potrà ammirare dipinti ma anche sculture, incisioni e disegni preparatori. Tra le opere esposte anche Carrozza con cavalli e paesaggio svizzero (1956-1957), Tavolo con vaso di fiori (1956), la scultura in bronzo Leonessa (1952-1962) o Autoritratto con berretto da fantino (1962).