20 gennaio 2015

Milano Fashion Week, party per i meglio vestiti di GQ

Glamour a Milano Moda Uomo

Milano Fashion Week, party per i meglio vestiti di GQ

Nel numero di gennaio, GQ Italia ha stilato la sua personale classifica degli uomini più eleganti d’Italia, pescando i trenta più raffinati e trendy tra artisti, designer, sportivi, cantanti e imprenditori.

Il magazine maschile di Condé Nast non poteva che scegliere la Milano Fashion Week dedicata alla moda uomo autunno inverno 2015-2016 per celebrare i maschietti più glam del Belpaese.

Cornice del party La Segheria di Carlo e Camilla, il ristorante che porta la firma dello chef Carlo Cracco, dove i numerosi ospiti hanno potuto godere di una cena esclusiva organizzata in collaborazione con Fiat.

“Per noi questa idea ha a che vedere con una forte individualità, con un certo modo di stare al mondo: libero, forte, autonomo, e talvolta con una strana gentilezza rocciosa, ispida, che incute rispetto immediato. Persone, singolarità che si stagliano tra la folla senza volto, portatrici di uno sguardo dritto di fronte al mondo”, scrive il direttore Carlo Antonelli.

Presenti alcuni protagonisti celebrati dal mensile, a partire dall’uomo copertina Fabrizio Gifuni, Luca Guadagnino, Claudio Marchisio, Andrea Pirlo, Luca Ronconi, Italo Rota, Lorenzo Richelmy, Barnaba Fornasetti, Claudio Santamaria, Giovanni Soldini, Nico Vascellari, Cesare Cremonini e Costantino della Gherardesca.

Tra gli invitati anche Carlo Borromeo, Saverio Costanzo, Luca Dini, Ginevra Elkann, Suzy Menkes, Margherita Missoni, Alba Rohrwacher, Franca Sozzani, Tilda Swinton e Victoria Cabello.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.