24 ottobre 2014

Milano Fashion Week, MSGM primavera estate 2015

Una collezione ironica ispirata al romanzo Freedom di Jonathan Frenzen

MSGM primavera estate 2015 – Milano Fashion Week

Massimo Giorgetti si conferma essere uno dei designer più interessanti della Milano Fashion Week.

La sua collezione primavera estate 2015 targata MSGM sembra essere costruita ad hoc per fashioniste contemporanee e super glamour.

Ad ispirare i capi della prossima estate 2015 di MSGM, andati in scena durante la quinta giornata di kermesse meneghina, è stato il romanzo Freedom di Jonathan Frenzen.
La palette è come sempre vivace e caratterizzata da toni allegri, dai colori vividi, dalle stampe divertenti che danno un tocco irriverente a mise dalle linee semplici e forse per questo molto efficaci.

Come al solito importante è il lavoro che Massimo Giorgetti fa sulla scelta e sulle lavorazioni del materiali. Sulla passerella di MSGM salgono dunque dal satin al tulle, ricami di paillette, pvc e molto altro ancora.

Il guardaroba si compone di tubini a trapezio che mostrano le gambe e decisamente Anni ’60, gonne corte a portafoglio, abiti impreziositi da dettagli di tulle trasparente, bluse con il colletto in stile polo, tailleur dai colori intensi, top smanicati a righe, canotte con lettere multicolor, e abiti da sera giocati su asimmetrie e geometrie, molto raffinati.

Semplicità di grande impatto anche per gli accessori. Così la prossima primavera estate 2015 di MSGM prevede comode borse a tracolla rigide multicolor e sandali bordati di piume per lo più con il tacco molto basso, con qualche eccezione.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.