21 ottobre 2014

Milano Fashion Week, Moschino primavera estate 2015

In passerella Barbie contemporanee

Jeremy Scott – Moschino primavera estate 2015

Dopo Prada, Moschino.
A catalizzare l’attenzione degli addetti ai lavori, durante il secondo giorno di Milano Fashion Week è stata infatti la sfilata della primavera estate 2015 firmata dal designer americano Jeremy Scott.

Uno show vero e proprio al cui centro della scena c’erano Barbie contemporanee ma sempre e comunque esagerate e cotonatissime.

“Tutti amano Barbie – ha dichiarato nel backstage Jeremy Scott.- Lei ha fatto tutte le professioni possibili, ha indossato ogni tipo di look”. E così in passerella salgono bambole in carne ed ossa, eccentriche nei colori, svestite al punto giusto e super naif nel modo di fare.

E se gli outfit sono una celebrazione in chiave ironica della bambola più celebre del mondo ecco che a fare da fil rouge della collezione è il logo Moschino; compare infatti quasi ovunque, dagli zaini in spugna all’intimo, dalle felpe alle cinture.

Sulla passerella di Moschino alla Milano Fashion Week sono saliti anche trench impreziositi da grandi bottoni, completini di pelle glossy, tailleur con tanto di bikini trompe l’oeil stampato e così via compresi total look dorati.

E se il giorno è un inno alla fantasia dalla forme super slim, ecco che anche per la sera la donna Moschino punta a stupire e lo fa con abiti eccessivi nei volumi e non solo.

Tocco di stile, il foulard da diva annodato sotto il collo.

Milano Moda Donna è stata anche l’occasione per presentare una limited edition tra Moschino e Coca-Cola light.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.