Luxgallery > Fashion > Abbigliamento > Moda Donna > Milano Fashion Week, Lucio Vanotti è il designer ospite di Armani

Milano Fashion Week, Lucio Vanotti è il designer ospite di Armani

Il designer presenterà la sua moda uomo per l’autunno inverno 2016-2017

lucio-vanotti-designer-ospite-armani
Vai allo speciale

Protagonista della prima giornata di Milano Fashion Week, sabato 16 gennaio 2016, dedicata alle collezioni moda uomo per l’autunno inverno 2016-2017, Lucio Vanotti è il designer ospite di Armani.

La collezione, come da calendario ufficiale della kermesse, è in programma all’Armani/Teatro di via Bergognone alle 11:30, subito dopo la sfilata di Ermenegildo Zegna.

Lucio Vanotti va ad aggiungersi dunque alla schiera di talenti, 11 fino ad ora, che Giorgio Armani ha deciso di sostenere, stagione dopo stagione, ospitando il loro debutto alla Milano Fashion Week in una location di prestigio e davanti a un pubblico selezionato.

Re Giorgio conferma dunque il suo sostegno alla creatività emergente “Ormai da diversi anni sostengo i giovani talenti che mi sembrano più promettenti nel panorama della moda italiana e internazionale – ha dichiarato Giorgio Armani. – Il loro entusiasmo, la dedizione, e la creatività declinata in modo sempre personale e sentita continuano ad appassionarmi. A Lucio Vanotti, il designer che ho scelto per questa stagione, auguro un futuro brillante, ricco di soddisfazioni“.

Nato a Bergamo e diplomato all’Istituto Marangoni di Milano, Lucio Vanotti è stato finalista a Who is On Next? Uomo 2012 per il prêt-à-porter.
Il suo stile razionale ed essenziale evita tutto ciò che è superfluo. Al centro delle sue collezioni la ricerca di astrazione che si traduce in purezza e geometrie assolute che avvolgono il corpo.

“Ricevere quest’opportunità da Giorgio Armani rappresenta per me un grandissimo riconoscimento – ha commentato entusiasta Lucio Vanotti. – Il mio sentito ringraziamento va a colui che, oltre a essere un grande esempio dal punto di vista imprenditoriale, è l’inventore di un codice estetico che tutto il mondo apprezza, che mi ha influenzato e in cui mi riconosco”.

Vai allo speciale