25 settembre 2015

Milano Fashion Week estate 2016, il debutto di Massimo Giorgetti da Emilio Pucci

La nuova era della maison toscana fa rima con modernità

Emilio Pucci,  primavera estate 2016 – Milano Fashion Week

Tra le più attese sfilate della Milano Fashion Week c’era quella del debutto di Massimo Giorgetti alla direzione creativa di Emilio Pucci.

Non facile il dopo Peter Dundas, che è pronto a presentare le sue prime creazioni per Roberto Cavalli, ma Giorgetti ha saputo cogliere la sfida portando in passerella una collezione primavera estate 2016 moderna.

Non mancano le stampe iconche della maison Pucci ma per il resto tutto sembra nuovo e fresco. In passerella salgono outfit forti ricchi di intarsi, tagli netti, ricami pop e inserti preziosi.

Se la palette al bianco e nero alterna azzurri, gialli e rosa di diverse gradazioni gli accessori si indossano con nonchalance dagli occhiali decisamente over ai foulard usati anche come abiti.

La nuova estetica di Emilio Pucci vira verso un target più giovane in linea con ciò che è nelle corde del suo designer. Giorgetti dal canto suo non dimentica gli archivi ma non strizza l’occhio a quanto è già stato fatto.
Non a tutti viene il miracolo che Alessandro Michele sta facendo a Gucci, fin dalla sfilata di debutto, ma Massimo Giorgetti sta facendo del suo meglio e gli sta venendo anche bene.

Nella nostra gallery potrete scoprire tutte le creazioni presentate da Massimo Giorgetti per Emilio Pucci durante la seconda giornata di Milano Fashion Week dedicata alle anticipazioni della moda donna per la primavera estate 2016.

Emilio Pucci,  primavera estate 2016 - Milano Fashion Week

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.