13 novembre 2014

Milano Fashion Week, Emilio Pucci primavera estate 2015

Una collezione ispirata agli anni '70 e dedicata a cow girl contemporanee

Emilio Pucci primavera estate 2015 – Milano Fashion Week

Per affrontare la frenesia metropolitana ci vuole carattere e così Peter Dundas ha portato a Milano Moda Donna belle e preziose cow girl contemporanee.

La passerella era naturalmente quella di Emilio Pucci, in programma per la quarta giornata di kermesse.
Così la collezione primavera estate 2015 del celebre marchio fiorentino ruota attorno a micro abiti ricamati, dress lunghi a balze o cocktail dress multicolori tie-dye e accostamenti a contrasto.

Non mancano paillettes, cristalli e pietre colorate, frange, lavorazioni crochet e suede, per borse a bisaccia e stivali.

Gli anni ’70 secondo Dundas per Pucci non mancano di lavorazioni artigianali che rendono preziose tutte le uscite.
Il tutto è pensato e creato per valorizzare la sensualità femminile nelle serate importanti come in un normale giorno infrasettimanale.

Si passa dagli abiti a A fluttuanti a camicie e giacche dal taglio maschile, da mini dress dalla silhouette molto aderente a shorts easy chic, da pantaloni a zampa di elefante a bluse in chiffon con scollatura profonda o poncho frangiati e così via.

Modella d’eccezione Naomi Campbell e intanto continuano le indiscrezioni che vedono Dundas impegnato in una trattativa per passare alla direzione creativa della maison Roberto Cavalli. In tal caso, i ben informati dicono che al posto del designer norvegese da Pucci potrebbe arrivare Mary Katrantzou...staremo a vedere.

Emilio Pucci - borsa primavera estate 2015

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.