Luxgallery > Gusto > Ristoranti > Migliori ristoranti Roma 2018: i locali da scegliere secondo la rivista Eater

Migliori ristoranti Roma 2018: i locali da scegliere secondo la rivista Eater

Dall'esclusivo Sanlorenzo alla tradizionale ed accogliente Tavernaccia da Bruno, fino alla modernissima e trendy Salumeria Roscioli

Migliori ristoranti Roma 2018: i locali da scegliere secondo la rivista Eater

Quali sono i migliori ristoranti di Roma? Nella prima parte della nostra rassegna, ispirata dalla guida del celebre sito web americano Eater, abbiamo segnalato tre locali della capitale dall’offerta radicalmente diversa. Proseguiamo in questo modo, parlandovi della tradizionale ed accogliente Tavernaccia da Bruno, dell’esclusivo e innovativo Sanlorenzo e della modernissima e trendy Salumeria Roscioli.

Tavernaccia da Bruno

Locale storico di Trastevere, la Tavernaccia da Bruno esiste dal 1968. Lo stile di questo ristorante tradisce le origini umbre del suo fondatore. La Tavernaccia oggi è gestita dalle figlie di Bruno Persiani e da un genero di origine sarda. Il ristorante si presenta come una trattoria casalinga che serve un mix di piatti umbri e romani, insieme ad alcune specialità regionali sarde, come il maialino cotto nel forno a legna. A sentire le opinioni di chi l’ha visitata, le paste fresche sono eccellenti (specialmente la lasagna di domenica, che si esaurisce rapidamente) e il petto di pollo arrosto al forno è considerato “ultraterreno”. I vini biologici e naturali provenienti da Italia e Slovenia completano la carta dei vini. Per info: Tavernaccia da Bruno – Via Giovanni da Castel Bolognese, 63 – RomaSito web.

Il Sanlorenzo

“Uno stretto patio e una vetrina anonima lasciano il posto agli eleganti interni del Sanlorenzo, il miglior ristorante di pesce del centro di Roma”. Così Eater inizia la sua segnalazione di questo eccellente locale capitolino, situato in via dei Chiavari al numero 4. I piatti proposti dipendono dalla disponibilità stagionale e dalle condizioni di pesca al largo della costa del Lazio, ma in genere presentano molluschi locali. Il ristorante è noto per la sua pasta, tradizionalmente molto al dente, con vongole, uova di riccio di mare o telline. “Il vero protagonista è il pesce, principalmente di provenienza isola di Ponza, servito crudo o elaborato senza complicazioni, sicuramente dall’appeal moderno”, racconta un recensore della prestigiosa guida Michelin che annovera il Sanlorenzo tra i ristoranti di assoluta eccellenza a Roma. Per info: Il Sanlorenzo – via dei Chiavari 4/5 – Roma – Sito web.

Salumeria Roscioli

Fondata nel centro storico nel 2004 dalla storica famiglia romana di pasticceri, la Salumeria Roscioli si presenta al pubblico con la tripla veste di gastronomia, wine bar e ristorante. Anche se il menu è ampio, i veri protagonisti sono i formaggi, i salumi e la pasta. I clienti segnalano in particolare la burrata con pomodori semi-secchi e la mortadella con Parmigiano-Reggiano. Anche i primi piatti di pasta ottengono giudizi eccellenti: la gricia , i tonnarelli cacio e pepe (nella foto sopra, da Facebook) e la carbonara. Il pane, altrettanto buono, è quello sfornato del vicino Antico Forno Roscioli. Infine, nota di merito anche per le carte dei vini (una italiana, l’altra internazionale): sono un vero concentrato di eccellenze. Per info: Salumeria Roscioli – via dei Giubbonari 21 – Roma –  Sito web.

(2- segue)

Leggi anche –> Migliori ristoranti Roma (prima parte)