23 dicembre 2015

Mercatini di Natale 2015 a Montreux

Toccata e fuga prima delle Feste

Mercatini di Natale 2015 a Montreux

Nonostante manchino solo poche ore al Natale in tutta Europa splendono ancora i più bei mercatini artigianali dove acquistare prodotti unici e originali, allietati da luci colorate, cioccolate calde, musica in sottofondo.

Tra tutti, ne esiste uno che per noi italiani spesso è sottovalutato o poco conosciuto, ma in realtà è unanimamente considerato il più bel mercatino natalizio d’Europa. Stiamo parlando di quello che prende vita proprio in questo periodo nella cittadina di Montreux, in Svizzera, sulla riva del lago Leman. Lo scenario è prodigioso, con le acque blu da un lato, le vette innevate delle montagne dall’altro e, a due passi, il suggestivo Castello di Chillon, luogo di antichissime origini assolutamente da visitare per chi decida di trascorrere un weekend in questo piccolo angolo di mondo fatato.

Cominciamo con il dire che il mercatino di Montreux è uno dei più grandi del Vecchio Continente, per cui vi si può trovare davvero di tutto: artigiani esperti provenienti da ogni Paese raggiungono le confortevoli casette in legno site nella piazza principale per proporre ai turisti delizie enogastronomiche, decorazioni per la casa, giochi per bambini come da tradizione fino a tutto quanto riguardi il vestiario, con calda lana, cashmere, seta e tanto altro ancora.

Centro nevralgico di Montreux diventa tuttavia in questo mese dell’anno la Casa di Babbo Natale, grandissima, piena zeppa di lumini accesi, con Santa Claus lì pronto a donare regali ai più piccoli o a raccogliere le loro letterine, quando non semplicemente per scattare una foto insieme. Poco lontano, la località di Caux si trasforma in un vero e proprio paesino di Natale, dove ogni minimo dettaglio è studiato per dare l’impressione di vivere in un mondo parallelo in cui domina la fantasia.

Ma i circa 500.000 visitatori annuali che giungono qui da tutto il mondo si riversano anche all’interno delle mura grigie e inquiete del Castello di Chillon, uno dei più belli del mondo. Qualunque guida turistica lo ha citato prima o dopo all’interno della top ten dei castelli europei da vedere almeno una volta, in quanto unisce da una parte la fortuna di essere sopravvissuto a un travagliato passato quasi del tutto integro e intatto, dall’altra la posizione incantevole a strapiombo sul lago, con le acque profonde che si estendono al di fuori delle finestre, se dall’interno delle stanze decorate si guarda verso l’orizzonte.

Lo Château de Chillon si erge per la precisione nel piccolo comune di Veytaux, vicinissimo a Montreux. Pochi sanno che tanto tempo addietro esso era soltanto un agglomerato di circa cento diverse minute costruzioni, poi unite insieme per andare a formare quello che in più occasioni è stato l’ambientazione di film, romanzi e quadri celebri: da Victor Hugo a Delacroix, da Roussseau a Courbet. Se nel dodicesimo secolo esso era la dimora dei conti di Savoia – e se, come in tutti i castelli, non è mai mancata una leggenda che parli della presenza di un misterioso fantasma – in seguito è diventato noto ovunque soprattutto grazie alle sue prigioni (forse la parte più caratteristica e antica dell’imponente fortezza), raccontate dalla penna di Lord Byron nel poema “The prisoner of Chillon”, dedicato al coraggioso Bonivard.

Per concludere, vale la pena rendere noto che il castello è oggi anche una cantina dove viene prodotto e può essere acquistato dell’ottimo vino, commercializzato con il marchio “Clos de Chillon”.

Castello di Chillon - Montreux

Info: www.chillon.ch; www.montreuxnoel.com

Chiara Giacobelli

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.