25 novembre 2015

Max Mara, moda donna primavera estate 2016

A Milano sale in passerella la brezza estiva

Max Mara, primavera estate 2016 – Milano Fashion Week

Se gli occhi della seconda giornata di Milano Fashion Week erano tutti puntati sulla passerella di Emilio Pucci per il debutto alla direzione creativa di Massimo Giorgetti, ecco che la prima maison a salire in passerella il secondo giorno di kermesse è stata Max Mara.

Protagonisti della collezione moda donna primavera estate 2016 sono capi profondamente estivi nello spirito. A fare da fonte d’ispirazione al team di creativi di Max Mara sono infatti i 7 mari e i marinai e il risultato non poteva che essere rigenerante come una ventata improvvisa di brezza marina.

A fare da fil rouge, oltre alle righe, le stelle che finiscono su maglie e gonne passando per t-shirt ma anche completi.

Confermato il mood che da sempre caratterizza le collezioni Max Mara. E così, anche per la prossima estate non mancano outfit dall’eleganza basica, portabili e raffinati nella loro estrema semplicità formale e perfezione sartoriale.

La primavera estate 2016 di Max Mara si compone nella fattispecie di lunghi abiti a righe e dalla silhouette allungata, caban sailor over, pantaloni a vita alta, tricot rayée, giacche sartoriali con coulisse in corda e poi ancora gonne oro e argento da indossare con una t-shirt total white.

Nessun limite per le borse. Per la prossima stagione, grandi o piccole, l’importante che siano bellissime.

Insomma, Max Mara sceglie la leggerezza, perchè l’estate più che una stagione è un modo di vivere.

Max Mara, primavera estate 2016 - Milano Fashion Week

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.