3 marzo 2016

MasterChef Italia 5, chi sono i finalisti

A contendersi il titolo Erica, Lorenzo e Alida

MasterChef Italia 5, finalisti – Erica, Lorenzo, Alida

Questa sera si spegneranno i riflettori di MasterChef Italia 5.
A partire dalle 21:10 di giovedì 3 marzo Sky Uno trasmetterà la finale della trasmissione capitanata da Carlo Cracco, Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo, entrato nella brigata di MasterChef da quest’anno sapendo conquistare tutti con la sua carica umana, oltre che per l’innegabile talento.

A contendersi l’abito titolo di quinto MasterChef Italia saranno Erica, Lorenzo e Alida. Sono infatti servite 11 puntate fatte di Pressure Test, Mystery Box, Invention Test, prove in esterna e molto altro ancora per decretare i migliori 3 aspiranti MasterChef fra i 20 concorrenti.

La prima cosa da dire è che la finale di oggi di Masterchef 5 non sarà in chiaro su TV8 come ventilato dai più nei giorni scorsi rimanendo dunque un’esclusiva di Sky e dei suoi abbonati. Quello che sappiamo è che Erica, Lorenzo e Alida si sfideranno prima con una Mystery Box che li riporterà alle origini della loro avventura a MasterChef per poi cimentarsi nel ricreare tre grandi piatti di tre grandi chef donne: Iside De Cesare, Antonia Klugmann e Marianna Vitale.
Al termine di questa prova ci sarà la prima eliminazione. Nella finalissima i 2 concorrenti rimasti in gara dovranno preparare e servire ai giudici un vero e proprio menù degustazione composto da sei portate.

MasterChef Italia 5, i giudici: Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo

Andiamo ora a scoprire i 3 finalisti aspiranti MasterChef Italia 5.
Lorenzo, unico uomo rimasto in gara. Macellaio veneto ama cucinare la carne in genere, preferibilmente il manzo. I suoi chef preferiti sono Massimo Bottura e Alessio Longhini e nella sua cucina non deve mancare mai il burro “quello buono però”, almeno quanto lui aggiungiamo noi.

Alida, 25 anni torinese. La sua passione per la cucina nasce da piccola grazie a suo padre ma è il suo fidanzato ad averla spronata a seguire e perseguire il suo sogno che è quello di cucinare e servire i suoi piatti in prima persona per poterne raccontare l’anima.

Erica, fisioterapista 30 enne di Ravenna. Ha commosso tutti fin dalla prima puntata quando Antonino Cannavacciulo le ha portato in braccio sua figlia Emma poco prima di annunciarle che era tra i 20 concorrenti di Masterchef. Se come piatto forte Erika ha la pasta ecco che il suo ingrediente preferito è il peperoncino. E’ proprio suo il nome più papabile per la vittoria di questa edizione del programma.

MasterChef Italia 5, vince Erica qui con Antonino Cannavacciuolo

Come successo l’anno scorso, infatti, il vincitore di MasterChef 2016 è stato svelato in anticipo anche se la notizia non ha ricevuto alcuna conferma.
Se 12 mesi fa era stata Striscia la Notizia questa volta è stato il sito Dagospia a togliere la sorpresa ai milioni di fan del programma di cucina più famoso d’Italia e non solo. Secondo il quotidiano online di Roberto D’Agostino, infatti, sarebbe Erica a conquistarsi il quinto titolo di MasterChef Italia battendo nella finalissima Alida; Lorenzo sarebbe dunque il terzo classificato.

Nonostante per il secondo anno consecutivo probabilmente sia stato rovinato l’effetto sorpresa, noi di Luxgallery continuiamo a essere romantici e a chiederci se a vincere il titolo di MasterChef Italia 5, aggiudicandosi il premio di 100mila euro e la pubblicazione di un libro, sarà il macellaio veneto Lorenzo dal cuore innocente, la giovane torinese Alida fredda e determinata o la fisioterapista romagnola mamma di Emma Enrica?

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.