Luxgallery > Celebrità > Maria De Filippi a Verissimo: “Morgan dovrebbe dire pubblicamente ciò che mi scrive privatamente”

Maria De Filippi a Verissimo: “Morgan dovrebbe dire pubblicamente ciò che mi scrive privatamente”

Maria De Filippi, in un’intervista esclusiva rilasciata in occasione della puntata evento “Verissimo Speciale Amici”

maria-de-filippi-sanremo-2017

La scommessa più grande di quest’anno è stata fare Sanremo” Cosi Maria De Filippi si racconta nel salotto di Silvia Toffanin nella puntata di Verissimo speciale Amici che andrà in onda domani. “Avevo molta paura, perché io sto bene nei miei programmi, non mi piace andare tanto in giro. Per una volta, però, mi sembrava giusto provare a mettermi in gioco fuori da casa mia e allora sono andata. L’ho vissuta malissimo, purtroppo! Con il senno di poi l’avrei vissuta diversamente. Ho fatto impazzire tutte le persone che erano con me. Li tenevo tutta la notte a studiare ogni minimo dettaglio. Sapevo tutto. Ho capito, invece, che potevo essere del tutto impreparata perché il tempo per parlare con le persone era di qualche secondo e presentavi le canzoni leggendo sul gobbo”. Però mi sono divertita”.

Un’altra scommessa vinta da Maria De Filippi riguarda l’introduzione del trono gay a “Uomini e Donne”. A tal riguardo dichiara: “Era da due o tre anni che ci pensavo. Mi è sembrato giusto farlo l’anno scorso. I protagonisti di questo trono sono stati molto amati, perché si sono posti in maniera diversa rispetto ai soliti corteggiatori. Era uno trono che si stava ad ascoltare, più che a vedere. Penso che il trono gay ritornerà a settembre”, anticipa la conduttrice.

Inevitabile una riflessione su Morgan in veste di direttore artistico ad “Amici”: “Morgan è stata una bella sfida, però lì l’ho persa, non l’ho vinta. Credo che la sua conoscenza e la sua preparazione si siano viste. Le cose poi non sono andate bene per una serie di circostanze. Forse ci voleva più presenza, un po’ più di costanza. Spero solo che in un futuro prossimo le sue dichiarazione pubbliche, corrispondano a quelle che mi fa privatamente. Perché io penso che se scrivi determinate cose nel privato, poi le stesse cose devi dirle anche in pubblico. Visto che sono private, quindi, non le posso dire!”.