25 gennaio 2015

Margaret Howell punta sull’Italia: a Firenze apre store e ufficio produzione

Omaggio al design moderno inglese della metà del '900

Margaret Howell – store a Firenze

Aperto lo scorso dicembre, Margaret Howell ha aspettato Pitti Uomo 87 per inaugurare ufficialmente il suo nuovo flagship store.

La stilista inglese ha puntato infatti su Firenze per il suo primo store italiano. Progettato dall’architetto William Russell consta sei vetrine affacciate sulla centralissima Piazza Goldoni 5r e una splendida vista sul fiume Arno.

Una location magica tanto che, il piano strada, adibito alla vendita, ospita le collezioni uomo, donna accessori e una selezione di oggetti per la casa, mobili vintage e loro riedizioni, al piano superiore, invece, Margaret Howell ha creato il primo ufficio di produzione dell’azienda al di fuori della Gran Bretagna.

“La combinazione di ufficio e negozio a Firenze, – ha commentato la Howellci permette di accorciare la distanza con i nostri fornitori italiani e di mostrare la nostra collezione a un pubblico internazionale”.

Una nuova idea di business che porta a Firenze i migliori prodotti realizzati in Inghilterra raccontando l’interesse di Margaret Howell per il design moderno inglese della metà del ’900.

“Negli ultimi dieci anni – ha dichiarato Howellho lavorato con Will Russell sugli interni dei nostri negozi. Will e’ sempre riuscito a concretizzare le mie idee introducendo qualcosa che mai mi sarebbe venuto in mente, una sorta di visione dello spazio speciale. Il risultato e’ un rapporto di lavoro gratificante e di successo”.

Margaret Howell

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.