Luxgallery > Arte e cultura > Mostre e Gallerie > Mar Ravenna, mostre 2017: dagli aztechi a Fontana, “La scultura in mosaico dalle origini a oggi”

Mar Ravenna, mostre 2017: dagli aztechi a Fontana, “La scultura in mosaico dalle origini a oggi”

Ravenna: al via al Mar una grande mostra dedicata alla storia della scultura in mosaico

Roberta Grasso, 25 euro/etto o Marshmellows, 2011, mosaico morbido con smalti venezia
e marmo di carrara, cm 70x90, courtesy dell'artista

Famosa in tutto il mondo per i mosaici bizantini racchiusi nelle bellezze artistiche e architettoniche della città, Ravenna si prepara ad ospitare la mostra dal titolo “Montezuma, Fontana, Mirko. La scultura in mosaico dalle origini a oggi”, esposizione che ripercorre storia e origini della scultura in mosaico.

Nell’ambito della V edizione Ravenna Mosaico Rassegna Biennale di Mosaico Contemporaneo, grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, di Marcegaglia, il MAR – Museo d’Arte della Città di Ravenna ospiterà – dal 6 ottobre 2017 sino al 7 gennaio 2018 – la mostra “Montezuma, Fontana, Mirko. La scultura in mosaico dalle origini a oggi”. Grazie al suo ricco e prezioso percorso espositivo, la mostra documenterà la nascita e l’evoluzione di questo linguaggio, nonché le differenti declinazioni del concetto di “tessera” da parte degli scultori a partire dagli anni Trenta del Novecento.

In quegli anni, infatti, Gino Severini si è trovato a rinnovare la pratica del mosaico in funzione della decorazione architettonica, dando altresì il via alle ricerche plastiche mosaicate di Lucio Fontana e Mirko Basaldella. La mostra non indagherà però solo l’evoluzione di questa forma artistica bensì anche le influenze avute dagli artisti che, stando alle ultime ricerche, sembrano aver attinto da esempi “primitivi” mesoamericani, anch’essi presenti in mostra. Per info e dettagli aggiuntivi, www.mar.ra.it.

In copertina, Credit: Roberta Grasso, 25 euro/etto o Marshmellows, 2011, mosaico morbido con smalti venezia
e marmo di carrara, cm 70×90, courtesy dell’artista