29 maggio 2015

Mango apre a Milano

La boutique della settimana

Mango apre a Milano

Da meno di una settimana Mango può vantare un posto d’onore nella città di cui tutti stanno parlando grazie all’Expo.

Il brand spagnolo ha inaugurato un megastore presso la vecchia sede Mondadori, nel prestigioso Corso Vittorio Emanuele, consolidando così la propria crescita in Italia.

Con oltre 3.000 mq di superficie di vendita distributi su tre piani, si tratta del più grande punto vendita di Mango in Europa, in cui trovano spazio tutte le linee del marchio: Mango, Mango Man, Mango Kids, Mango Sport & Intimates e Violeta by Mango.

Il negozio nel cuore di Milano si va ad unire agli altri sette spazi meneghini del marchio, tra i quali i tre flagship di Via Torino e Corso Buenos Aires.

Inoltre, con questo nuovo opening, Mango porta a 82 i punti vendita presenti in Italia dal suo debutto su questo mercato nel 2001.

Mango Corso Vittorio Emanuele Milano

“Si tratta di un’inaugurazione molto importante a livello italiano, che conferma la scommessa di Mango su questo mercato e ne rafforza l’immagine. Continueremo a crescere in Italia con un piano di espansione ambizioso e costante, con l’apertura di nuovi punti vendita, oltre a consolidare le nuove linee del marchio dato che l’Italia è un mercato dalle grandi potenzialità, in cui Mango ha ancora molta strada da fare”, ha detto Matteo Sgarbossa, Responsabile Retail Internazionale del marchio che inaugurò il primo negozio in Passeig de Gràcia a Barcellona nel lontano 1984 e oggi ne vanta oltre 2700 distribuiti in 108 Paesi.

Mango Corso Vittorio Emanuele Milano interno

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.