27 luglio 2015

Lingerie di lusso a Expo 2015

In mostra al padiglione Francia

Reggiseni in mostra a Expo

Non solo baguette e roquefort al padiglione francese di Expo 2015.

Fino al 5 agosto la Francia porta all’ombra dell’Albero della Vita una mostra dedicata all’intimo di lusso, dai leggendari corsetti ai primi reggiseni e guaine.

Dopo Parigi, Londra, Shangai, Dubai, Berlino, New York, Toronto, Mosca, Tokyo e Barcellona, la Lingerie Française ha scelto proprio l’Esposizione Universale per presentare 60 capi d’archivio di 11 prestigiose firme francesi di biancheria femminile: Chantelle, Aubade, Simone Pérèle, Lise Charmel, Maison Lejaby, Lou, Barbara, Princesse Tam.Tam, Empreinte, Implicite e Passionata.

La rassegna, a cura di Catherine Örmen e organizzata da Promincor, ripercorre un secolo di storia della lingerie e strizza l’occhio al tema della kermesse, “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita”, mettendo in risalto la lavorazione attenta allo sviluppo sostenibile messa in pratica da queste aziende. In un sistema di produzione ormai globalizzato, i produttori francesi scelgono con estrema cura le materie prime che vengono impiegate, utilizzando tecniche di tintura e finitura non inquinanti per il pianeta.

Capi di Lingerie Française

L’Esposizione Lingerie Française affronta 4 tematiche principali – Creatività, Rispetto dell’Ambiente, Abilità, Innovazione e Seduzione – e ricorda, attraverso un dispositivo spettacolare in 3D, quanta abilità tecnica così vicina all’artigianato vi sia nella fabbricazione di un reggiseno, grazie ai 30 piccoli elementi che lo compongono.

Lingerie Française a Expo 2015

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.