14 gennaio 2015

Leonardo DiCaprio e Rihanna, è tutto vero?

Tra i due sarebbe nato l'amore

Rihanna

Il 2015 è appena iniziato, ma, se i rumors dovessero rivelarsi fondati, non ci sarebbero dubbi su chi conquisterà il titolo di coppia più hot dell’anno.

Secondo i media americani capitanati dal gossiparo Tmz, tra Leonardo DiCaprio e Rihanna ci sarebbe del tenero.

Sabato 10 gennaio,  infatti, i due sono stati avvistati insieme al compleanno della designer Nikki Erwin alla Playboy Mansion di Los Angeles a cui erano presenti anche Paris Hilton, Hilary Duff, Tom Hardy, Pamela Anderson, Naomi Campbell e Tobey Maguire.

Pare che durante l’esclusivo party, la cantante delle Barbados e l’attore più richiesto di Hollywood si siano addirittura scambiati un bacio in pubblico.

Leo e Riri, poi, hanno partecipato all’after party organizzato dal rapper 50 Cent, come dimostra lo scatto postato dallo stesso rapper mentre abbraccia la Venere Nera e alle spalle spunta proprio la star di The Wolf of Wall Street.

50 Cent, Naomi e Di Caprio

Quello però era solo il secondo appuntamento per la presunta neo coppia: la popstar 26enne e l’attore 40enne erano insieme anche allo scoccare della mezzanotte del 2015, alla festa di Capodanno del Club La Page sull’isola caraibica di St. Barts.

Scapolone d’oro di Hollywood, DiCaprio è stato fidanzato con donne bellissime, quasi tutte alte, bionde, filiformi e modelle di Victoria’s Secret: da Gisele Bündchen e Bar Refaeli passando per Erin Heatherton, fino all’ultima fiamma Toni Garrn.

Forse ci voleva proprio una sexy brunetta a farlo capitolare. Stay tuned!

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.