28 ottobre 2015

Lanvin licenzia Alber Elbaz

Il designer non è più il direttore creativo della maison francese

Alber Elbaz, direttore creativo di Lanvin

Alber Elbaz potrebbe lasciare la direzione creativa di Lanvin.

Dopo 14 anni al comando della maison francese, il designer nato a Casablanca sarebbe dunque pronto a dedicarsi ad altro e il pensiero dei più non può che volare a Dior, da poco orfana di stilista, dopo l’addio di Raf Simons.

Anche se la notizia non è ancora ufficiale, pare che Alber Elbaz abbia già lasciato il suo ufficio in Rue du Faubourg Saint-Honoré e il team di progettazione, così come tutti i dipendenti di Lanvin, sono stati convocati per una riunione straordinaria programmata per oggi pomeriggio a Parigi.

Le cause di questa separazione sono riconducibili ai noti contrasti tra il designer e la dirigenza aziendale, in particolar modo la proprietaria Shaw-Lan Wang e Michèle Huiban, CEO di Lanvin.

Dopo anni di idillio, in cui Alber Elbaz aveva la piena facoltà di decidere sulle sorti di Lanvin, è il 2013 quando il magnate dell’editoria di Taiwan dà la gestione operativa della maison a Huiban. Da qui i primi screzi e le divergenze sul piano strategico e di espansione dell’azienda che hanno raggiunto il loro culmine oggi con le dimissioni di Elbaz.

Insomma la notizia non è del tutto una sorpresa ma le sorti di Alber Elbaz e Lanvin, come quelle di Raf Simons e Dior, non faranno dormire sonni tranquilli al fashion system fino a quando non saranno decise.

La scrivania di Alber Elbaz nel suo ufficio in Rue du Faubourg Saint-Honoré

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.