22 dicembre 2015

Kim Kardashian lancia le sue sexy emoticon

Kimoji è la app più scaricata

Kim Kardashian lancia le sue sexy emoticon

In fondo è l’emblema della star 2.0 con 27 milioni di “like” su facebook, 38 milioni di followers su twitter e 55 su Instagram.

Kim Kardashian, ha deciso di entrare anche nelle nostre chat lanciando un’app di emoji dedicata al suo mondo fatto di lusso e sfarzo, che non poteva che chiamarsi kimoji.

Tra le emoticon, non manca il belfie (selfie del lato b) in costume bianco, il suo derriere in bella mostra, lei che fa la lap dance, ma anche che accarezza il pancione.

E poi, le icone dei suoi oggetti preferiti, come i corsetti, i vestiti e gli smalti, e delle sue manie, come il famoso contouring (cioè la tecnica di make up di sapienti giochi di luci e ombre per scolpire il viso), di cui Kim è stata tra le prime testimonial.

Auto lussuose, lingerie sexy, carte di credito, dollari a non finire, e anche un bel dito medio, completano la selezione della mamma di North e Saint.

Per ottenere il set di faccine e icone è necessario scaricare la app, disponibile nell’App store da ieri 21 dicembre, andare nelle impostazioni dello smartphone e, nella voce “tastiera”, aggiungere quella che si chiama Kimoji.

Kim Kardashian Kimoji 1

kimoji è già in prima posizione nella classifica delle App più scaricate, nonostante non sia gratuita ma costi 1,99 euro.

Apple, mi dispiace tanto di aver mandato in tilt il tuo App Store!!!”, ha twittato la moglie di Kanye West.
Non posso credere che così tante persone hanno scaricato il mio KIMOJI!”.

Kim Kardashian Kimoji 2

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.