Luxgallery > Celebrità > Keanu Reeves a Sanremo 2017: fascino e stile nonostante le tragedie immense della sua vita

Keanu Reeves a Sanremo 2017: fascino e stile nonostante le tragedie immense della sua vita

Keanu Reeves ha sedotto Sanremo 2017: una forza incredibile nonostante le orrende tragedie della sua vita

sanremo 2017

Keanu Reeves ha sedotto la platea e gli spettatori: vero divo in questo Sanremo 2017. Un 52enne di una bellezza esotica e una fisicità indimenticabili, eppure il destino oltre ad avergli regalato doti extra ordinarie ha avuto in serbo per lui dolori e tragedie di portata immensa.

Figlio di un geologo statunitense e di una ballerina inglese nel suo albero genealogico si rintracciano tracce di antenati cinesi, italiani, francesi e portoghesi, che hanno contribuito a forgiare il mito del suo fascino esotico. I suoi si separano quando lui è molto piccolo, il padre ha problemi di droga, così Keanu e sua sorella Kim – che sono legatissimi – crescono spostandosi di città in città con la madre. E’ nella sorella che l’attore identifica la sua famiglia, purtroppo la donna si è ammalata di leucemia; Keanu ha fatto di tutto per aiutarla comprandole anche una splendida casa in Italia, ad Anacapri, ma Kim non pare migliorare.

Nel 1999 il divo si innamora dell’attrice Jennifer Syme, dopo un anno nacque la loro bimba che sarebbe morta in seguito a causa di una malformazione congenita. La giovane madre, devastata da questo dolore folle, iniziò a bere e una notte, alla guida della sua auto, si schiantò contro un albero, morendo in circostanze poco chiare. In molti hanno ipotizzato una volontà suicida date le condizioni di profonda instabilità in cui versava la compagna di Keanu in seguito alla perdita della figlia. Da allora l’uomo non si è mai sposato e non ha avuto altri figli. Le immagini dell’attore che sorregge la bara della sua amata hanno fatto il giro del mondo: da lì arriva l’oblio. Pare che nell’ultimo periodo Reeves abbia iniziato la sua risalita: non si può davvero che augurargli un futuro felicissimo, o semplicemente meno doloroso.