17 luglio 2015

Katy Perry per H&M

Testimonial della campagna Holiday 2015

Katy Perry per H&M

Anche se con questo caldo africano è un compito arduo, provate ad immaginare la neve che scende copiosa, uno chalet in montagna col camino accesso e dei morbidi maglioncioni di lana.

Per scongiurare le temperature alle stelle, ecco che H&M ci porta direttamente al prossimo Natale.

Il colosso svedese ha annuciato ieri che la protagonista della sua consueta campagna per le festività natalizie sarà niente di meno che Katy Perry.

L’anno scorso era toccato a Lady Gaga e Tony Bennett, che nello spot intonavano il brano It Don’t Mean a Thing tratto dal loro album Cheek To Cheek.

“H&M è sempre stato uno dei posti in cui ho iniziato a coltivare il mio stile personale. Ho sempre amato aggiungere pezzi di H&M al mio guardaroba nel corso degli anni”, ha detto la Perry, già arruolata come volto di Moschino per l’autunno inverno 2015-2016.

“Uno dei motivi per cui amo le feste è che ci si può vestire in modo carino e comodo e da H&M si possono trovare proposte per tutti. Non vedo l’ora che si veda l’atmosfera che abbiamo creato con Jonas Akerlund e Dan Jackson”.

“Siamo entusiasti che Katy Perry sarà la protagonista della nostra campagna di questa stagione di festa. Ci piace tutto di Katy, dal suo incredibile talento ed energia, al suo stile molto divertente”, ha commentato Pernilla Wohlfahrt, H&M Head of Design.

Per ora possiamo goderci solo uno scatto rubato dal backstage; la campagna Holiday 2015, scattata da Jonas Akerlund e Dan Jackson, infatti debutterà solo a novembre.

Katy Perry per il Natale 2015 di H&M

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.