8 maggio 2015

Kate Middleton rilancia il giallo

Fashion icon

Kate Middleton rilancia il giallo

Sabato scorso per presentare al mondo la piccola Charlotte Elizabeth Diana, davanti alla Lindo Wing del St Mary’s HospitalKate Middleton ha scelto un abito griffato Jenny Packham, una delle sue maison preferite in assoluto, realizzato appositamente per lei.

La stampa floreale dell’abito fa parte della collezione primavera estate 2015 del brand, ma la forma è stata pensata solo per la Duchessa; il vestito, infatti, non è disponibile sul mercato.

Ma questo non ha fermato il consuetoKate Effect”.

Secondo ebay.co.uk, la vendita degli abiti gialli è schizzata alle stelle, con un aumento del 58%.

Ma non solo: la neomamma sulle scale dell’ospedale di Paddington ha sfoggiato un paio di Jimmy Choo, che ha fatto salire gli acquisti di scarpe col tacco color nude del 94%.

Anche fuori dai confini si vuole a tutti i costi emulare lo stile di Kate; le vendite di abiti floreali sulle nuance del giallo sono aumentate del 208% su eBay Australia.

Anche il look del Principe George scelto per conoscere la sua sorellina ha conquistato tutti.

Il piccolo di 21 mesi in braccio a William ha salutato la folla e ha posato per alcuni minuti davanti alla stampa radunata davanti all’ospedale londinese, prima di entrare in clinica e abbracciare mamma Kate e la nuova arrivata.

Per l’occasione, il royal baby ha sfoggiato un cardigan da 40 sterline di Amaia Kids, sold out già durante la notte.

Sempre su eBay la vendita dei maglioncini blu è aumentata del 128%.

Principe George incontra la sorella Charlotte

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.