24 luglio 2013

Kate Middleton presenta il Royal Baby

Prima uscita pubblica per il Principino

Kate Middleton presenta il Royal Baby

Lei raggiante in un abitino celeste e piccoli pois bianchi griffato Jenny Packham, molto simile a quello scelto nella stessa occasione dalla compianta suocera, lui sorridente in camicia celeste e pantaloni casual.

In braccio, lui, il tanto atteso royal baby, beato tra le braccia dei suoi genitori e avvolto in una copertina candida e regale.

Ecco come sono apparsi Kate Middleton e il marito, il Principe William e il loro primogenito in occasione della sua prima uscita, ieri poco dopo le 19 ora locale (le 20 in Italia) davanti alla “Lindo Wing” del St Mary’s Hospital, dove lunedì alle 16.24 è venuto alla luce.

Felici, commossi e emozionati, i Duchi di Cambridge hanno presentato al mondo il futuro Re d’Inghilterra davanti ad uno stuolo infinito di fotografi, da settimane accampati fuori dall’ospedale londinese.

Mentre un’emozionata Kate ha parlato di un “momento speciale”, William ha scherzato con i giornalisti svelando che il primo cambio di pannolino è spettato a lui e che il piccolo principe, di cui ancora non si conosce il nome, fortunatamente somiglia alla mamma. “No, no, non ne sono sicura”, ha risposto divertita la duchessa di Cambridge.

“E’ un bel bambino, abbastanza pesante. Somiglia a lei, per fortuna, e comunque ha un bel paio di polmoni, questo è sicuro”, ha sorriso il Duca di Cambridge. A chi gli chiedeva dei capelli del bimbo, William ha risposto “grazie a Dio ne ha molti più di me”.

E il nome? “Ci stiamo ancora lavorando. E’ la prima volta che lo vediamo in realtà, quindi vogliamo avere l’opportunità di conoscerci”, ha detto il neo papà, ammettendo di aver pensato a Charles.

“Quando sarà grande gli ricorderò la sua lentezza”, ha poi aggiunto, ricordando la lunga attesa per la nascita del primogenito della coppia, prima poi di congedarsi, “adesso l’ospedale e voi potete tornare alla normalità e noi possiamo andare a prenderci cura di lui”.

Dopo aver salutato la folla la coppia si è avvicinata all’auto: William ha sistemato il seggiolino con il bebè sul sedile posteriore della Range Rover, si è messo alla guida ed è partito, con la moglie seduta dietro, direzione Kensington Palace.

Insomma, niente Berkshire, almeno per il momento: la nota ufficiale smentisce la voce che dopo il parto Kate avrebbe preferito trasferirsi subito nella casa dei Middleton per un periodo prima di tornare col bebè a Kensington palace.

Durante il pomeriggio, mentre tutti i riflettori dei fotografi erano puntati sull’ingresso principale del St Mary’s Hospital di Paddington, in attesa di immortalare la prima uscita pubblica del royal baby, sono arrivate le prime visite per il Principe di Cambridge.

I genitori di Kate Middleton, Carole e Michael, sono stati i primi parenti a far visita in ospedale alla figlia, al genero e soprattutto al nipotino.

I due neo nonni hanno detto che il bebè è “tremendamente bello” e che i suoi genitori stanno affrontando questa nuova esperienza “favolosamente”.

Con uno strappo dal protocollo previsto, infatti, il Duca e la Duchessa hanno chiesto ai Middleton di fare loro visita  prima di tutti i membri della famiglia reale, tra cui il Principe Carlo e la Regina.

Poco dopo i Middleton, però, ecco arrivare Carlo e Camilla; uscendo dal St. Mary’s Hospital, il nonno ha descritto il piccolo come “assolutamente meraviglioso”, aggiungendo subito dopo “aspettate e lo vedrete tra qualche minuto”.

La Regina, invece, durante un ricevimento a Buckingham Palace ieri sera, ha rivelato ad un ospite di essere “elettrizzata” per l’arrivo del suo pronipote.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.