9 agosto 2013

Kate Middleton, low cost per il royal baby

La copertina è sold out

Kate Middleton e il royal baby

Tutti gli abiti che indossa, specialmente quelli di brand “democratici” diventano sold out in poche ore, e ciò sembra essere il destino anche delle tutine del suo bebè.

Il primogenito di Kate Middleton e il suo William è nato da pochi giorni ma è già diventato la nuova fashion icon d’Inghilterra, ma non solo.

Il Principe George ha fatto la sua prima uscita pubblica il 23 luglio davanti alla “Lindo Wing” del St Mary’s Hospital, dove il giorno prima alle 16.24 era venuto alla luce, avvolto in una copertina candida e regale.

Lo scialle bianco di lana merino dal valore 45 sterline, usato solitamente per i battesimi, “sfoggiato” dal royal baby è andato esaurito in pochissime ore.

Il Principe George con lo scialle Gh Hurt and son

La ditta Gh Hurt and son di Nottingham, che ha realizzato l’articolo ispirandosi alla copertina in cui Diana aveva avvolto William, e lo ha regalato alla coppia, ha ammesso infatti di essere stata invasa dagli ordini.

Lady Diana, il Principe Carlo e il piccolo William

Lo stesso vale per la stola di cotone scelta dai duchi di Cambridge, che il piccolo ha “indossato” prima di salire sulla macchina direzione Kensington Palace: nei negozi già non se ne trovano più.

Il maxi fazzoletto di Aden + Anais scelto da Kate per il suo primogenito è decorato con pennuti verdi e costa solo 12 sterline.

Il marchio inglese è popolarissimo tra le celebs, tra cui Jessica Alba, Sienna Miller, Beyoncé, Charlize Theron, Jennifer Garner, Khloe Kardashian e Andrea Casiraghi e Tatiana Santo Domingo.

Questo è solo l’inizio degli effetti della nascita del royal baby sull’economia britannica.

Il royal baby con la stola Aden + Anais

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.