3 ottobre 2014

Kate Middleton denuncia un paparazzo

Azione legale in corso

Kate, William e George

Mantenere la vita privata lontana dai riflettori per loro è un diktat imprescindibile.

Ecco perchè il Principe William e Kate Middleton hanno deciso di intraprendere un’azione legale contro un paparazzo troppo invadente.

I Duchi di Cambridge, attraverso i propri avvocati, hanno intimato ad un fotografo di “smettere di seguire ovunque e invadere la privacy del principe George e della sua tata durante le loro giornate all’aperto”.

In un comunicato ufficiale la coppia ha annunciato di aver preso questa decisone drastica perché “c’è ragione di sospettare che tale individuo abbia posto sotto sorveglianza il principe George e abbia seguito le sue attività quotidiane per un certo periodo di tempo”.

Secondo i media, infatti, il royal baby sarebbe stato avvicinato da un paparazzo a Battersea Park, dove il principe si trovava con la sua tata e gli uomini della scorta, e da cui “è stato portato via immediatamente”.

“Nessun genitore tollererebbe il sospetto che qualcuno possa seguire e molestare il proprio figlio e la persona che si prende cura di lui”, afferma ancora il comunicato ufficiale diffuso dal portavoce di Buckingham Palace James Roscoe.

William e Kate, che si apprestano a diventare genitori per la seconda volta, “comprendono il ruolo pubblico che il principe ricoprirà un giorno, ma ora che è solo un bambino gli deve essere consentito di condurre una vita il più possibile normale”, si legge sempre nella nota diramata da Palazzo.

Kate e George a una partita di polo

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.