18 aprile 2014

Kate Middleton celebra la moda australiana

Con un abito Zimmermann

Kate Middleton celebra la moda australiana

Per il suo tour in Nuova Zelanda e Australia, Kate Middleton ha messo in valigia 32 cambi tra cui capi dei suoi brand preferiti, di marchi democratici e creazioni di stilisti locali.

L’abbiamo vista sfoggiare look delle maison che più ama, come il cappottino azzurro griffato Alexander McQueen, griffe scelta tra l’altro per il suo matrimonio e per il battesimo del royal baby, e un abito di gala by Jenny Packham.

Spazio anche a una mise più low cost per la visita ad Aukland del quartier generale del team locale dell’America’s Cup, composta da top a righe di Me + Em, una giacca navy di Zara e un paio di jeans blu scuro skinny.

Ecco arrivare (finalmente) anche un outfit made in Australia.

La Duchessa di Cambridge per partecipare ad una dimostrazione di salvataggio sulla spiaggia di Manly e ai festeggiamenti pasquali del Royal Easter Show di Olympic Park a Sidney in occasione del venerdì santo, ha indossato un vestito bianco di pizzo sangallo griffato Zimmermann.

Kate Middleton in Zimmermann

L’abito è stata abbinato con una clutch nude e un paio di zeppe di sughero di Stuart Weitzman.

Come avvenuto per l’abito di Diane Von Furstenberg, i fan del Middleton style hanno mandato in tilt il sito web del brand australiano, fondato a Sidney dalle sorelle Nicky e Simone Zimmermann nel 1991.

Ma le fashioniste dovranno essere pazienti, visto che l’ abito di Zimmerman non sarà in vendita fino a giugno, anche se i media australiani, sostengono che “la data di uscita potrebbe essere anticipata a causa della grande richiesta dopo essere stato indossato dalla duchessa”.

Rimaniamo in attesa di scoprire il look pasquale dei Duchi di Cambridge!

Kate Middleton e Principe William, terzo giorno Australia

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.