29 settembre 2014

Kate Middleton aspetta una bambina?

Indiscrezioni da palazzo

Kate Middleton

I tabloid inglesi ne sono sicuri: il prossimo aprile alla porta di Buckingham Palace sarà appeso un fiocco rosa.

Secondo le ultime indiscrezioni oltremanica, infatti, Kate Middleton e il Principe William sarebbero in attesa di una femminuccia.

L’8 settembre è arrivato l’annuncio ufficiale della seconda gravidanza della Duchessa con un comunicato stringato ed essenziale. “Loro altezze reali il Duca e la Duchessa di Cambridge sono lieti di annunciare che la Duchessa di Cambridge è incinta del loro secondo figlio. La Regina e tutti i membri di entrambe le famiglie sono deliziati della notizia. Così come durante la sua prima gravidanza, la Duchessa soffre di iperemesi gravidica. Sua altezza reale non accompagnerà il Duca di Cambridge negli impegni odierni a Oxford odierni. La Duchessa è sotto osservazione medica a Kensington Palace”.

Kate infatti è costretta a letto, a causa delle forti nausee causate dalla iperemesi gravidica, un disturbo non grave, ma che amplifica i comuni problemi della gravidanza, come stanchezza e nausee, e per questo ha dovuto cancellare il suo viaggio a Malta.

Ma il gossip non si ferma qui: sembra che Kate e William abbiano deciso di chiamare la sorellina del Principe George, Elizabeth in onore della Regina, e non Diana, come la mamma del Principe scomparsa prematuramente.

“Hanno già detto alla Regina che sarà una femmina, e le hanno chiesto il permesso di chiamarla come lei Sanno che alla sovrana non restano molti anni da vivere, e vogliono onorarla così. Lei ne è assolutamente entusiasta”.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.