14 gennaio 2016

Kartell, espansione commerciale record nel 2015

Aperti nuovi negozi in tutto il mondo

Negozio Kartell a Vienna

Kartell si prepara a mettere nuove bandierine sul mappamondo che racconta l’espansione commerciale del brand.

Il colosso del design guidato da Claudio Luti aprirà entro fine gennaio 2016 il primo Flagship Store di Londra situato in 223 Brompton Road e direttamente gestito dall’azienda, ma cercherà fortuna anche oltre i confini dell’Europa: nuove aperture sono in programma a Johannesburg, Miami, Accra, Ryadh, Tehran e Tokyo.

L’azienda di Noviglio si affaccia al nuovo anno lasciandosi alle spalle un 2015 da incorniciare sia per l’inaugurazione del nuovo Museo Kartell sia per la crescita nel retail che oggi conta più di 140 spazi monomarca oltre a 300 Kartell Shop e 1000 corner tematici.

In Italia, che resta il primo mercato del marchio con il 25% circa del fatturato, Kartell ha aperto nuovi spazi a Torino, Bergamo, Lanciano, Forte dei Marmi e Trieste Porto Piccolo.

Da sempre pioniera nell’esplorare mercati emergenti, Kartell ha iniziato a coprire anche Paesi dove ancora il design italiano è poco presente: Kenya, Ghana, Sudafrica e tutto il Middle East dove si segnalano le nuove aperture a Tehran, Amman e Doha.

Continua inoltre l’espansione in mercati Oltreoceano, dove l’azienda era già forte, come Honk Kong con l’apertura di un terzo nuovo Flag in HK Central, Australia con il nuovo store a Sydney, Brasile dove è avvenuta un’importante relocation del Flagship store di Rio De Janeiro e negli USA dove è appena stato aperto il Flag di S.Francisco.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.