23 ottobre 2015

Kaley Cuoco, l’ex marito vuole gli alimenti

Ryan Sweeting all’attacco

Kaley Cuoco, l’ex marito vuole gli alimenti

In fondo guadagna 1 milione di dollari per ciascun espisodio della sit com dei record di cui è protagonista.

Ecco perchè Ryan Sweeting si è sentito in diritto di chiedere gli alimenti all’ormai ex moglie, Kaley Cuoco.

Anche se sembrava che il divorzio tra il tennista e la star di The Big Bang Theory fosse stato pacifico e amichevole, a un mese dall’annuncio della separazione, incominciano a emergere i dettagli sulle prime tensioni tra i due ex.

Kaley e Ryan, hanno scritto la parola fine alla loro unione a settembre per “differenze inconciliabili”, dopo un fidanzamento lampo, ed un matrimonio durato meno di due anni, esattamente 21 mesi.

“Hanno deciso di comune accordo di mettere fine alla loro unione e chiedono di rispettare la loro privacy”, recitava il comunicato ufficiale diffuso dal magazine Us Weekly. “Non verrà rilasciata nessun’altra dichiarazione in merito”.

Kaley Cuoco e Ryan Sweeting

Sweeting, la cui carriera da tennista non è proprio al massimo dei livelli già da qualche anno, infatti, avrebbe chiesto di ricevere l’assegno di mantenimento dall’ormai ex moglie, nonostante i due abbiano firmato un accordo prematrimoniale prima del sì.

Intanto i fan di The Big Bang Theory fantasticano su un possibile ritorno di fiamma tra Kaley, tra le attrici più pagate della televisione americana con un patrimonio stimato di 45 milioni di dollari, e il collega di set Johnny Galecki, proprio come sul piccolo schermo.

Kaley Cuoco e Ryan Sweeting insieme

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.