19 dicembre 2013

Jamie Dornan, fiocco rosa per Christian Grey

L’attore è diventato papà

Jamie Dornan e la moglie Amelia Warner

Il 2013 è stato un anno da incorniciare per Jamie Dornan.

Ad aprile ha sposato la fidanzata Amelia Warner, a giugno ha annunciato di essere in attesa del suo primogenito, a ottobre è stato scritturato per interpretare sul grande schermo il sexy protagonista uno dei film più attesi degli ultimi anni, e non è finita qui.

L’attore 31enne, che vestirà i seducenti panni di Christian Grey nell’adattamento cinematografico di Cinquanta sfumature di grigio, a fine novembre è diventato papà.

Secondo quanto riporta Us Weekly, la moglie, l’attrice e cantante Amelia Warner, ha dato alla luce il primo figlio della coppia il mese scorso, seguita dal padre di Jamie, Jim, e dalla sua seconda moglie Samina, rispettivamente ginecologo e ostetrica in Irlanda.

Il magazine a stelle e strisce riporta in esclusiva che si tratta di una bambina, ma ancora non si conosce nè la data precisa di nascita e sul nome.

Il portavoce dell’ex modello di Calvin Klein ha confermato la notizia con una dichiarazione ufficiale: “Jamie Dornan e Amelia sono lieti di annunciare la nascita della loro bambina avvenuta alla fine di novembre”.

La nuova famiglia trascorrerà le feste  in una casa in affitto a Vancouver, dove Jamie è attualmente al lavoro per le riprese bollenti di Fifty Shades al fianco di Dakota Johnson, sotto l’occhio vigile della regista Sam Taylor -Wood e dell’autrice della trilogia erotica su cui si basa la pellicola, E.L.James.

Jamie Dornan e la moglie Amelia Warner in attesa, per le vie di Londra

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.