Luxgallery > Tempo Libero > Spettacoli > Cinema > Inferno di Down Brown, il film esce oggi nelle sale

Inferno di Down Brown, il film esce oggi nelle sale

Tom Hanks protagonista e Ron Howard alla regia, Inferno esce oggi in Italia, Luxgallery lo ha visto in anteprima

Tom-Hanks-alla-premiere-mondiale-durante-unintervista_01

Giorni movimentati a Firenze per la premiere mondiale di “Inferno”, il film hollywoodiano tratto dall’omonimo romanzo di Dan Brown. Si tratta del suo quarto libro – dopo “Il codice Da Vinci”, “Angeli e Demoni” e “Il simbolo perduto” – che vede come protagonista il professor Robert Langdon interpretato da Tom Hanks, di volta in volta affiancato da bellissime attrici più o meno giovani.

Così, se qualche mese fa l’intera troupe di Hollywood aveva bloccato la città per le riprese dirette da Ron Howard, in quest’ultima settimana Firenze si è trasformata in una Los Angeles dei vip e delle star, tutte alloggiate – come da tradizione – presso il Lungarno Collection. Giornate intense per Tom Hanks, Dan Brown e accanto a loro la sexy Felicity Jones, oltre a Ben Foster nel ruolo del visionario Bertrand Zobrist che intende risolvere il problema della sovrappopolazione rilasciando un virus chiamato appunto Inferno (a tal proposito, c’è da dire che il film si distacca dalla trama reale del libro correndo su binari autonomi, ma non per questo meno coinvolgenti).

Felicity Jones alla premiere mondiale di Inferno, il film

Conferenza stampa di apertura presso il Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, poi Photocall al Forte Belvedere e infine la premiere mondiale per accedere alla quale l’intera cittadinanza e non solo ha fatto faville, nonostante i posti fossero limitati a giornalisti, autorità, cast, collaboratori e poche altre personalità. Un po’ per la difficoltà di esserci, un po’ per lo spirito americano di far sempre le cose in grande, è stato davvero emozionante sfilare sul Red Carpet che conduceva al Nuovo Teatro dell’Opera di Firenze dopo l’arrivo degli attori, davanti a una scenografia spettacolare: a sinistra campeggiava una riproduzione gigantesca della Maschera funebre di Dante Alighieri conservata al Museo di Palazzo Vecchio, mentre di fronte un maxi schermo proiettava fiamme accese che alternavano il titolo del film alla scritta “Lasciate ogni speranza voi che entrate” (la stessa riportata anche nell’invito). Atmosfera altrettanto suggestiva appena varcata la soglia del teatro, sul quale Tom Hanks ha voluto scherzare: “Dopo questo lungo lavoro a Firenze ho imparato che questo è un tipico esempio di edificio rinascimentale costruito dai Medici”.
Risate in sala, ma anche molta aspettativa ascoltando le parole di Ron Howard. “Questo è un film che parla di geni, ma tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la mente più geniale di tutte, quella di Dan Brown”.

Ron Howard alla premiere mondiale di Inferno, il film

Spente le luci e avviata la pellicola, ci si è resi subito conto che questo importante prodotto hollywodiano, al di là della trama ben pensata e della suspense sempre alta, è un vero e proprio spot per Firenze – e più in generale per l’Italia (diverse scene sono state girate a Venezia) – davanti al mondo intero. Lo è sia grazie alle meravigliose riprese su Ponte Vecchio, Palazzo della Signoria, Salone dei Cinquecento, il Lungarno, i giardini e tutto quanto di più celebre il capoluogo toscano abbia da offrire, sia per l’attenzione posta sulla figura di Dante Alighieri, su alcune opere conservate nei nostri musei, sui loro mille significati nascosti e si conseguenza sulla complessità e la ricchezza di cui l’Italia gode grazie al suo illustre passato.

Il cast di Inferno al completo alla premiere del film a Firenze

Disponibili e ironici tutti gli attori del film e il resto della troupe, che hanno concluso la serata in una cena estremamente ristretta e blindata allestita all’interno del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze, ospiti del Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

“Inferno” è prodotto dalla Columbia Pictures e Imagine Entertainment distribuito in Italia da Sony Pictures dal 13 ottobre 2016.

Chiara Giacobelli