3 dicembre 2015

Il Principe Harry non nasconde più le calvizie

Le ultime foto dal Sudafrica

Il Principe Harry non nasconde più la calvizia

Il piccolo George è avvisato.

Se non dovesse aver ereditato la folta chioma dei Middleton, il Principino già vede segnato il suo destino in fatto di capelli.

Ormai, sia papà William, sia nonno Carlo non fanno più mistero della loro calvizia eccipiente.

L’unica speranza era lo zio, ma purtroppo anche quella si è sciolta come neve al sole.

In questi giorni, infatti, il Principe Harry si trova in Sudafrica e tra una partita di polo e un match di rugby allo stadio di Growth Point con la squadra locale degli Squali non ha potuto evitare di mostrare un innegabile principio di stempiatura.

Il Principe Harry dopo la partita di calcio

Durante il tour, il quinto erede al trono ha anche giocato a calcio, e lo sforzo fisico gli ha lasciato i capelli leggermente appiccicati alla nuca svelando senza alcun dubbio una zona calva.

Tra uno stop e un dribbling è diventato sempre più chiaro che il 30enne è vittima dello stesso problema di caduta di capelli che affligge tutti gli uomini della sua famiglia.

Calvizie a parte, Harry sta raccogliendo molto consenso in Sudafrica.

Tra gli impegni ufficiali del rampollo inglese, la visita al Ottery Youth Centre di Cape Town,  struttura che offre sostegno ai giovani di età compresa tra 12 e 18 anni per allontanarli dalla strada e dalle bande criminali.
“I fratelli maggiori sono generalmente quelli più cool. Eppure io sono molto più cool di William” ha scherzato il Principino durante l’appuntamento benefico.

William calvizia

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.