Luxgallery > People & Brand > Business > Il lusso oggi è accessibile: i Millennials sono troppo furbi per snobbare il low cost

Il lusso oggi è accessibile: i Millennials sono troppo furbi per snobbare il low cost

La nuova frontiera del lusso? L'accessibilità: i dati parlano chiaro, la rivoluzione è in atto

Villa di lusso a Palm Beach

Il lusso non è in declino, ma in mutamento sì. Un nuovo fenomeno che si va profilando sempre con maggior forza è la fusione tra esperienza luxury e low cost. Il motivo di questo smottamento risiede nel digitale e nell’iperconnettività, che incidono sensibilmente sulle modalità di consumo. Esempio perfetto di questa scossa viene dal settore travel. Moltissime soluzioni, oggi, permettono di accedere a soggiorni di lusso grazie a offerte last minute e società come Airbnb.

Dati analizzati al convegno The New Way of Luxury organizzato da Aigo, società di marketing e comunicazione per turismo, trasporti e ospitalità. La ricerca di Euromonitor Post-Luxury Travel: The Changing Expectations of Luxury Travellers, racconta che gli hotel di categoria superiore attraggono sempre più visitatori; in particolare, il segmento affordable luxury destinato a crescere in modo esponenziale. Ma chi c’è dietro a questo cambiamento? Il viaggiatore stesso.

Millennials e la Generazione Z, forti del loro essere creature nate con il web, ridisegnano il concetto di lusso. Non più oggetto statico da possedere, bensì esperienza da fruire in modo dinamico e condivisibile. La ricerca parla di  “democratizzazione dell’esperienza di lusso”. Non è da escludersi un’eventuale scissione di mercato tra lusso accessibile per molti e lusso top level riservato a pochissimi. Sicuramente andrà in pensione presto quel mood stantio di ostentazione dei propri agi, che ormai pare più grottesco che invidiabile.