21 luglio 2015

Il cioccolato Amedei diventa cinese

Pur mantenendo la qualità made in Italy

Cioccolato Amedei – Octopus Holdings Foundation

Amedei, azienda toscana specializzata nella produzione di cioccolato di alta qualità, da anni portatrice dell’eccellenza made in Italy nel mondo è pronta a rotta.

Accanto alla famiglia Tessieri entra oggi, con una quota di maggioranza, Octopus Holdings Foundation. Come si legge in una nota dell’azienda, l’investitore asiatico, grazie a un importante aumento di capitale, “rafforza le basi industriali e finanziarie della società nella prospettiva di una maggiore crescita ed espansione anche sui mercati esteri”.

Azienda nata dalla volontà di Alessio e Cecilia Tessieri di portare in Italia la tradizione artigianale tipica delle botteghe elvetiche ricche di infinite varietà di praline, Amedei negli anni ha saputo reinventarsi tendo fermi due capisaldi, qualità e innovazione. Una rotta questa che gli è valsa per diversi anni consecutivi l’Oscar come miglior cioccolato al mondo.

“Gli assetti decisionali e produttivi resteranno in capo alla stessa Amedei, così che l’azienda possa esprimere tutto il suo potenziale in un comparto di nicchia, nel quale le risorse economiche e la capacità di innovazione costituiscono fattori di successo”, ha commentato Cecilia Tessieri, proprietaria e maître chocolatier della maison.

Il nuovo assetto societario di Amedei è volto dunque a consentire all’azienda di estendere la propria gamma di offerta aumentando la quota export senza dimenticare però la mission, ovvero quella di produrre e creare sempre il cioccolato più buono al mondo.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.