6 marzo 2015

I miliardari della moda nel 2015

La classifica di Forbes

I miliardari della moda nel 2015: Giorgio Armani

A inizio settimana, Forbes ha reso nota una delle sue classifiche più attese.

Come abbiamo visto, la lista dei miliardari del mondo, giunta alla sua 29esima edizione, per il 2015 è composta da 1.826 paperoni con un patrimonio netto complessivo di 7.050 miliardi dollari, in netta crescita rispetto ai 6.400 dell’anno scorso.

In vetta, per la 16esima volta negli ultimi 21 anni, Bill Gates che può contare su una fortuna di 79,2 miliardi dollari.

Analizzando in lungo e in largo la classifica, tra le persone più ricche del pianeta troviamo anche diversi protagonisti del fashion system.

Chi è il paperone del mondo della moda?

Amancio Ortega, fondatore di Inditex, la holding che possiede il brand spagnolo Zara, è ancora il più ricco del settore, con un patrimonio di 64,5 miliardi di dollari.

Al 13esimo posto della lista generale e medaglia d’argento per l’universo fashion, Bernard Arnault, patron del gruppo del lusso LVMH che al suo interno comprende le più prestigiose maison del settore come Louis Vuitton e Fendi, con un patrimonio di 37,2 miliardi di dollari.

Sull’ultimo gradino del podio e al 28esimo della The World’s Billionaires 2015, Stefan Perrson, dal 1998 presidente e CEO del colosso della moda democratica H&M di cui possiede una partecipazione del 28%: è stato suo padre, Erling Persson, a fondare la catena svedese nel 1947. Ammonta a ben 25.5 miliardi la sua fortuna.

40esima pozisione per Leonardo del Vecchio di Luxottica con 20.4 miliardi, il secondo tra gli italiani nella classifica, dopo Maria Franca Fissola, vedova di Michele Ferrero.

I miliardari della moda nel 2015: Francois Pinault di Kering

Posizione numero 65 per il numero uno dell’altro gruppo luxury made in France: Francois Pinault di Kering, che nella sua orbita case di moda Gucci, Stella McCartney, Alexander McQueen e Yves Saint Laurent, oltre che la casa d’aste Christie.

Con 9.7 miliardi ciascuno si aggiudicano la 133esima posizione a parimerito Alain e Gerard Wertheimer di Chanel, nipoti di Pierre, soci in affari di Mademoiselle Coco.

Primo tra i designer italiani, Giorgio Armani che si colloca al posto 174esima, unico proprietario del suo immenso impero che vale 7,6 miliardi di dollari.

E poi, 193esima posizione per Ralph Lauren (7 miliardi), 301esima per Philip Green di Arcadia che comprende brand come Topshop, Topman, Burton, Dorothy Perkins, e Miss Selfridge (5,1 miliardi), 405esimi a pari merito Patrizio Bertelli e Miuccia Prada (4.1 miliardi).

Con un bottino di 3,1 miliardi di dollari, ecco il re del denim Renzo Rosso con la sua holding Only the Brave, che controlla Diesel, Maison Martin Margiela, Viktor & Rolf e Marni oltre alle licenze di Dsquared, Just Cavalli, Vivienne Westwood, Red Label Man e Marc Jacobs Men, gestite attraverso Staff International.

A parimerito alla 628esima posizione la famiglia Benetton: i fratelli Carlo, Gilberto, Giuliana e Luciano fondatori del colosso della moda di Treviso possono contare su 2,9 miliardi ciascuno.

2 miliardi di dollari e posizione 949 per Sandro Veronesi di Calzedonia; 100 milioni in meno per Mario Moretti Polegato fondatore di Geox, che occupa così il gradino numero 1044 della lista.

Con un patrimonio di 1.8 miliardi, troviamo Alberto e Marina Prada, fratelli di Miuccia, e Diego della Valle di Tod’s.

Chiudono la classifica, Domenico Dolce e Stefano Gabbana (posizione 1173 con 1,7 miliardi), Pier Luigi Loro Piana (posizione 1386 con 1,4 miliardi), Remo Ruffini di Moncler (posizione 1605 con 1, 2 miliardi), Brunello Cucinelli (posizione 1712 con 1,1 miliardi) e Tory Burch (posizione 1741 con 1 miliardo).

I miliardari della moda nel 2015: Brunello Cucinelli

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.