Luxgallery > Gusto > Chef e Ricette > Guida L’Espresso 2017 tutti i premi: dalla cuoca dell’anno ai ristoranti rivelazione

Guida L’Espresso 2017 tutti i premi: dalla cuoca dell’anno ai ristoranti rivelazione

Accanto a premiare i migliori ristoranti dell'anno, la Guida L'Espresso ha consegnato gli ormai tradizionali awards a personalità e locali d'eccellenza

Antonia-Klugmann©Mattia-Mionetto_01

La Guida L’Espresso 2017 è molto di più che classifica dedicata ai migliori ristoranti d’Italia.

Se Massimo Bottura e la sua  Osteria FrancescanaMassimiliano Alajmo con Le Calandre,Enrico Crippa e il suo Piazza Duomo a Alba, Niko Romito e il ristorante Reale Casadonna, e, infine,Mauro Uliassi chef di Uliassi a Senigallia hanno conquistato l’olimpo della Guida ai migliori ristoranti d’Italia firmata da L’Espresso con i loro 5 Cappelli ecco infatti che, in occasione della presentazione, Enzo Vizzari ha voluto assegnare anche gli ormai tradizionali Premi L’Epresso alle personalità di spicco dell’enogastronomia made in Italy.

Se con il suo piccione fondente e pistacchio, Niko Romito ha vinto il riconoscimento per il piatto più originale e innovativo dell’anno a Massimo Bottura non poteva che andare l’award pranzo dell’anno ovvero il premio dedicato all’esperienza gastronomica indimenticabile per armonia e perfezione implacabile nel susseguirsi dei piatti.

Se il premio alla carriera la Guida L’Espresso 2017 lo ha assegnato a Bruna Gritti Cerea, che insieme al marito ha fondato nel 1966 il ristorante Da Vittorio a Brusaporto, uno dei più storici 3 Stelle Michelin che per i critici L’Espresso vale però “solo” 3 Cappelli, ecco che il titolo di Giovane dell’anno va Francesco Brutto, 27 anni, del ristorante Undicesimo Vineria a Treviso.

Parlando di donne di talento una menzione speciale va naturalmente a Antonia Klugmann del ristorante L’Argine a Vencò di Dolegna del Collio (GO). Durante la giornata di presentazione della Guida ai migliori ristoranti de L’Espresso è stata infatti premiata Cuoca dell’Anno, un importantissimo riconoscimento assegnato da L’Espresso in collaborazione con la Maison Veuve Clicquot, da sempre nota per il suo sostegno alle donne più innovative e audaci.

Tra le tante new entry di questa 39esima edizione della Guida L’Espresso 2017, ecco che ad attirare l’attenzione sono stati lo chef Nino Di Costanzo e Luigi Taglienti che con i loro ristoranti, rispettivamente Danì Maison a Ischia e Lume a Milano, sono stati i due migliori esordi; al debutto hanno avuto assegnati già 3 Cappelli.

Infine, se è vero che la cucina è un must delle Guide targate L’Espresso, anche quest’anno importante è stata l’attenzione rivolta anche al mondo del vino e delle cantine.
Se il Sommelier dell’anno è il giovane Matteo Zappile del ristorante Il Pagliaccio di Roma, per aver valorizzato sia le bollicine italiane che le bevande, anche analcoliche, diverse dal vino, ecco che la Cantina dell’Anno va al ristorante Uliassi di Senigallia.

Guida L'Espresso 2017 - piccione fondente e pistacchio, Niko Romito,  piatto più originale e innovativo dell’anno

Non manca che ripercorrere tutti i premi Espresso 2017 assegnati in occasione della presentazione dalla Guida I Ristoranti d’Italia L’Espresso 2017:
Giovane dell’anno a Francesco Brutto, 27 anni, del ristorante Undicesimo Vineria – Treviso
Cuoca dell’anno a Antonia Klugmann, de L’Argine, Vencò di Dolegna del Collio – Gorizia
Performance dell’anno allo chef Eugenio Boer, Ristorante Essenza, Milano
Pranzo dell’anno a Massimo Bottura de l’Osteria Francescana di Modena
Il Piatto dell’Anno CASADONNA REALE di Castel di Sangro (AQ)
Innovazione in cucina a Giuseppe Iannotti, Krèsior di Telese Terme
La cucina etnica dell’anno a Iyo, di Milano
La Pasta dell’Anno IL LUOGO DI AIMO E NADIA di Milano
Il Risotto dell’Anno RISTORANTE BERTON di Milano
Il Carrello dei Formaggi dell’Anno PICCOLO LAGO di Verbania (VB)
La Cucina di Pesce dell’Anno LA PINETA di Marina di Bibbona (LI)
Novità dell’anno a due ristoranti a pari merito a Danì Maison dello chef Nino Di Costanzo (Ischia) e a Lume, dello chef Luigi Taglienti (Milano)
La Cantina dell’Anno ULIASSI di Senigallia (AN)
Il Maître dell’Anno Sokol Ndreko LUX LUCIS DELL’HOTEL PRINCIPE di Forte dei Marmi (LU)
Il Sommelier dell’Anno Matteo Zappile IL PAGLIACCIO di Roma
Il Servizio di Sala dell’Anno SETA del MANDARIN ORIENTAL di Milano
La Trattoria dell’Anno AL CONVENTO di Cetara (SA)
Le migliori enoTavole dell’Anno AL CARROPONTE di Bergamo MAGAZZINO 52 di Torino BALDO VINO di Pistoia
La Selezione di “bollicine” OSTERIA DELLA BRUGHIERA di Villa d’Almè (BG)
Il Caffè dell’Anno DAL PESCATORE di Runate-Canneto sull’Oglio (MN)
La Qualità del Made in Italy D’O di San Pietro all’Olmo – Cornaredo (MI)
Alla Carriera Bruna Gritti Cerea DA VITTORIO di Brusaporto (BG)
Il Giovane Pizzaiolo di Talento Stefano Vola BONTA’ PER TUTTI di Santo Stefano Belbo (CN)
Il Cliente Ideale Chiara Agostinelli