26 novembre 2014

Gucci per la mostra Il Principe dei sogni

La Maison sponsorizza l’esposizione di arazzi

Arazzo “La Coppa ritrovata nel sacco di Beniamino”

Gucci scende ancora una volta in campo a favore del patrimonio artistico di Firenze.

Dopo aver stanziato lo scorso giugno 340mila euro per il completamento del restauro di 10 arazzi cinquecenteschi, la casa di moda toscana sponsorizzerà l’anno prossimo la grande mostra itinerante “Il Principe dei sogni. Giuseppe negli Arazzi medicei di Pontormo e Bronzino”.

Il progetto espositivo – che raduna insieme, per la prima volta dall’Unità d’Italia, i 20 arazzi cinquecenteschi (tra cui i 10 rstaurati da Gucci) commissionati da Cosimo I de’ Medici per la Sala de’ Dugento di Palazzo Vecchio – è fortemente voluto dal Presidente della Repubblica Italiana, in vista dell’importante appuntamento con Expo 2015.

Le tre città protagoniste della mostra – Roma (gennaio-aprile), Milano (aprile-settembre) e Firenze (settembre-gennaio 2016) – rivestono tutte un significato particolare per la maison Gucci: Roma ospita il cuore creativo dell’azienda, Milano il lato fashion e glamour, Firenze la città dalla quale è partito il sogno di Guccio Gucci nel 1921, ed ancora oggi cuore pulsante del marchio.

Tappa fondamentale nel percorso di preservazione e valorizzazione delle opere del passato è stata per Gucci l’apertura del Gucci Museo nel settembre 2011, in occasione del 90esimo anniversario della Maison. Il 50% dei proventi della bigliettazione del Gucci Museo è destinato a sostegno di un fondo dedicato alla tutela e al restauro dei tesori più importanti della Città di Firenze.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.