15 dicembre 2015

Grammy 2016, le nomination

The Weeknd la rivelazione

The Weeknd

Sono il più prestigioso riconoscimento del mondo della musica, e ricevere un grammofono d’oro è ancora la massima aspirazione per i musicisti.

Ecco perché il 15 febbraio 2016 tutti i massimi esponenti del music system si riuniranno allo Staples Center di Los Angeles per la consegna dei Grammy Awards, gli Oscar della musica.

Ad avere più chance di mettere le mani sulla statuetta, il rapper Kendrick Lamar, che ha racimolato ben 11 nomination (fra cui Record dell’anno To Pimp a Butterfly e canzone dell’anno), seguito a ruota dalla “solita” Taylor Swift, con 7 menzioni, forte dell’incredibile successo dell’album 1989.

Si preannuncia una grande serata anche per The Weeknd, che sarà ospite di Rihanna nell’unica data italiana dell’Anti Tour, in programma il 13 luglio a San Siro.

Con ben 7 nomination ai Grammy, e molteplici record infranti, l’artista canadese si conferma il vero protagonista del 2015.

Il suo album Beauty behind the madness, uscito lo scorso 28 agosto in tutto il mondo, è candidato nelle categorie Album of the Year e Best Urban Contemporary Album; dopo il debutto al #1 nella classifica americana degli album solo con i preordini, è stato per tre settimane consecutive al #1 della Billboard 200 ed è stato l’album più ascoltato dell’anno su Spotify.

La hit mondiale Can’t Feel My Face (triplo platino in Usa e Platino in Italia ) ha ricevuto la nomination nelle categorie Record of the Year e Best Pop Solo Performance.

Earned It, contenuto nella Colonna Sonora di 50 sfumature di grigio (Disco di Platino in Italia) ha tre nomination per Best R&B Performance, Best R&B Song e Best Song Written for Visual Media.

Il video del brano, girato dalla regista del film hot Sam Taylor-Johnson con protagonista una sexy Dakota Johnson (l’attrice principale della pellicola), è stato visualizzato oltre 175 milioni di volte.

E poi, tra gli altri, anche Drake, Ed Sheeran, Florence & the Machine, Nicki Minaj, Chemical Brothers, Skrillex.

Ed Sheeran

Nell’attesa della cerimonia, ecco intanto le principali nomination di questa 58esima edizione:
RECORD OF THE YEAR: Really Love, D’Angelo and the Vanguard; Uptown Funk, Mark Ronson feat. Bruno Mars; Thinking Out Loud, Ed Sheeran; Blank Space, Taylor Swift; Can’t Feel My Face, The Weeknd.
SONG OF THE YEAR: Alright, Kendrick Lamar; Blank Space, Taylor Swift; Girl Crush, Little Big Town; See You Again, Wiz Khalifa feat. Charlie Puth; Thinking Out Loud, Ed Sheeran.
NEW ARTIST OF THE YEAR: Courtney Barnett; James Bay; Sam Hunt; Tori Kelly; Meghan Trainor.
ALBUM OF THE YEAR: Alabama Shakes, Sound & Color; Kendrick Lamar, To Pimp A Butterfly; Chris Stapleton, Traveller; Taylor Swift, 1989; The Weeknd, Beauty Behind The Madness.
BEST POP DUO/GROUP PERFORMANCE: Ship To Wreck, Florence & The Machine; Sugar, Maroon 5; Uptown Funk, Mark Ronson feat. Bruno Mars; Bad Blood, Taylor Swift feat. Kendrick Lamar; See You Again, Wiz Khalifa feat. Charlie Puth.
BEST DANCE RECORDING: We’re All We Need, Above & Beyond feat. Zoë Johnston; Go, the Chemical Brothers; Never Catch Me, Flying Lotus feat. Kendrick Lamar; Runaway (U & I), Galantis; Where Are Ü Now, Skrillex e Diplo con Justin Bieber.
BEST ROCK PERFORMANCE: Don’t Wanna Fight, Alabama Shakes; What Kind Of Man, Florence & The Machine; Something From Nothing, Foo Fighters; Ex’s & Oh’s, Elle King; Moaning Lisa Smile, Wolf Alice.
BEST ALTERNATIVE MUSIC ALBUM: Sound & Color, Alabama Shakes; Vulnicura, Björk; The Waterfall, My Morning Jacket; Currents, Tame Impala; Star Wars, Wilco.
BEST RAP ALBUM: 2014 Forest Hills Drive, J. Cole; Compton, Dr. Dre; If Youre Reading This Its Too Late, Drake; To Pimp A Butterfly, Kendrick Lamar; The Pinkprint, Nicki Minaj.
BEST MUSIC VIDEO: LSD, ASAP Rocky; I Feel Love (Every Million Miles), the Dead Weather; Alright, Kendrick Lamar; Bad Blood, Taylor Swift feat. Kendrick Lamar; Freedom, Pharrell Williams.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.