15 gennaio 2016

Good Design Award 2015, vince il made in Italy

La 65esima edizione del premio parla italiano

Good Design Award 2015, vince il made in Italy

Il Chicaco Athenaeum Museum of Architecture and Design ha annunciato i vincitori del Good Design Award 2015, il più notevole premio di respiro internazionale per la progettazione, la funzionalità e l’estetica dei nuovi prodotti pensati per l’abitare.

Si tratta sicuramente di uno dei più importanti e antichi riconoscimenti al mondo per quanto riguarda l’eccellenza industriale, in quanto valuta i designi industriali di articoli di consumo di massa prodotti nei 5 continenti.

Per l’edizione 2015, il Chicago Athenaeum ha ricevuto migliaia di lavori provenienti da oltre 47 paesi. Tra questi, un’autorevole giuria di esperti ha selezionato 900 progetti da oltre 38 nazioni, giudicati delle eccellenze nell’ambito del design e premiati con il prestigioso riconoscimento.

La giuria, composta da architetti e autorità nel campo del design mondiale, ha decretato il successo di numerosi prodotti made in Italy.

Per la dodicesima volta una cucina Snaidero si aggiudica il Good Design Award. Quest’anno è la volta di Opera, disegnata da Michele Marcon.

“Siamo molto soddisfatti di questo riconoscimento internazionale – commenta Edi Snaidero, Presidente e AD del Gruppo Snaidero. – Negli ultimi 20 anni, dodici modelli si sono aggiudicati il Good Design Award a conferma che il nostro percorso orientato costantemente alla ricerca e all’innovazione di prodotto porti a risultati riconosciuti a livello mondiale. Attraverso la valorizzazione delle nostre competenze manifatturiere riusciamo a esportare il made in Italy e distinguerci per un design unico che guarda al futuro”.

Cucina Opera di Snaidero

Successo tutto italiano anche per Bertazzoni. L’azienda emiliana vince il prestigioso riconoscimento nella categoria Kitchen/Appliances con la cucina freestanding nera da 30 pollici con piano a induzione della Serie Professional.

“Non possiamo che essere onorati per questo nuovo riconoscimento, che ci permette di aprire il 2016 nel migliore dei modi – commenta Paolo Bertazzoni, CEO di Bertazzoni. – Uno dei criteri più importanti per l’assegnazione dei Good Design Award è la capacità di un prodotto di arricchire la società e la vita delle persone attraverso il suo design. Questo ci soddisfa molto perché significa che siamo in piena linea con uno dei nostri principali obiettivi: realizzare prodotti sempre più al servizio del consumatore”.

Cucina freestanding di Bertazzoni

Bramo, il vaso-annaffiatoio disegnato da Alessandro Loschiavo in collaborazione con Marco Paiani, porta in casa Aliantedizioni il quarto Good Design Award dopo quelli del 2004, 2006 e 2011. Il vaso da tavolo trasparente è dotato di due ramificazioni che consentono l’allestimento di composizioni floreali con specie diverse e, insieme, l’utilizzo in forma di annaffiatoio. Realizzato a partire da semilavorati cilindrici in vetro borosilicato saldati a mano a caldo da artigiani specializzati, nella fase di produzione segue uno processo costante ma è concepito in modo da ottenere varie possibili soluzioni formali. Ogni vaso prodotto è dunque un unicum così come appaiono le ramificazioni degli alberi dopo la potatura o i tronchi da ardere dopo la tranciatura.

Bramo di Aliantedizioni

Anche il tavolo TL disegnato da Giuseppe Viganò per Bonaldo si aggiudica il Good Design Award 2015. Il tavolo deve il suo nome alla particolare sagoma della gamba centrale, formata da due elementi inclinati che, insieme al piano, formano le due lettere T ed L. L’insieme del basamento e del piano è caratterizzato dalla nitidezza delle forme e dall’importanza degli spessori, tanto da creare un forte impatto visivo.

TL di Bonaldo

Nella schiera dei vincitori anche divano Move disegnato per Paola Lenti da Francesco Rota.

Per non perdersi per strada neanche un vincitore del Good Design Award 2015, basterà consultare l’Annuario Good Design 2015-2016 che raccoglie tutti i prodotti e i progetti grafici premiati.

Move di Paola Lenti

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.