Luxgallery > Viaggi e Vacanze > Mete > Cultura > Giornate FAI Primavera 2017: 1000 luoghi aperti in occasione dei 25 anni

Giornate FAI Primavera 2017: 1000 luoghi aperti in occasione dei 25 anni

Giornate FAI Primavera 2017: 1000 luoghi da scoprire lungo tutta la Penisola

giornate fai primavera

Le Giornate FAI di Primavera 2017 sono alle porte: anche quest’anno, il Fondo Ambiente Italiano rende accessibili – per tutta la durata di un fine settimana – 1000 luoghi magici e spettacolari lungo tutta la nostra Penisola. L’edizione 2017 sarà però speciale in quanto le Giornate FAI di Primavera compieranno 25 anni.

Si terranno il 25 e 26 marzo le Giornate FAI di Primavera 2017, un fine settimana interamente dedicato alla scoperta di alcuni dei tesori italiani che durante l’anno rimangono chiusi al pubblico. In particolare, l’iniziativa del Fondo Ambiente Italiano compie quest’anno un grande traguardo ovvero i primi 25 anni di “attività”: è proprio per questo motivo che bisognerà attendere un’edizione del tutto speciale, con 1000 luoghi aperti lungo tutto il territorio italiano. Come si legge in una nota ufficiale del FAI – Fondo Ambiente Italiano, infatti, le Giornate FAI di Primavera 2017 rinnovano anche quest’anno la volontà del FAI di condurre i visitatori nella “riscoperta del patrimonio d’arte e natura del nostro Paese” che “si trasforma in una grande festa di piazza accessibile a tutti”.

In attesa di conoscere tutti i luoghi aperti quest’anno, ripercorriamo i passi che hanno portato alle Giornate FAI di Primavera 2017. La prima edizione dell’iniziativa avvenne – come abbiamo anticipato – ben 25 anni fa, il 20 marzo 1993: Giulia Maria Crespi, storica fondatrice e oggi presidente onorario del FAI, aveva organizzato un grande evento in Italia volto alla riscoperta di un’“Italia nascosta” grazie all’apertura di 50 beni solitamente chiusi al pubblico. Da quell’anno il FAI, con le sue Giornate di Primavera, ha riscosso un successo dietro l’altro sino ad arrivare ad oggi con la sue 25esima edizione ed i suoi 1000 luoghi da scoprire.

Tags: