2 luglio 2015

George Clooney vende la casa sul Lago di Como?

Colpa dei paparazzi

Villa Oleandra a Laglio

George Clooney è davvero disposto a disfarsi della casa di lusso sul Lago di Como per salvaguardare la sua privacy e quella della moglie Amal Alamuddin? Stando agli ultimi rumors, sì.

Anche se sembra difficile che la star di Hollywood possa rinunciare al proprio nido lacustre alla viglia della vacanze estive, voci sempre più insistenti dicono che Laglio non sarà più una meta frequentata dall’attore.

Già in occasione del party organizzato quest’anno a Villa Oleandra per festeggiare il suo 54esimo compleanno, Clooney ha mostrato una certa insofferenza verso i paparazzi tanto da convincere il Sindaco della città, Roberto Pozzi, a inasprire le misure di sicurezza per preservare la riservatezza della location.

Fino al 30 settembre, lasciare la barca a meno di cento metri dalla casa di Clooney, acquistata nel 2002 per 10 milioni di euro, costerà una multa fino a 500 euro. L’ordinanza del primo cittadino di Laglio, pubblicata il 3 aprile, è rivolta a tutti i curiosi che stazioneranno a meno di 100 metri nello specchio d’acqua davanti alla villa dell’attore.

Il bel George starebbe valutando un’offerta da 100 milioni e pare che sia stia già muovendo per acquistare un’altra casa in un luogo più sperduto del Belpaese. Qualche anno fa, in effetti, Clooney aveva espresso l’intenzione di acquistare un immobile nella zona cilentana.

Vedremo se il popolare attore vorrà mettere mano al portafoglio e offrire alla sua Amal un nuovo nido d’amore tricolore.

Amal Clooney a Villa Oleandra

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.