Luxgallery > Celebrità > Francesco Totti l’Intervista: dal primo appuntamento con Ilary alla vecchiaia a giocare a burraco

Francesco Totti l’Intervista: dal primo appuntamento con Ilary alla vecchiaia a giocare a burraco

Francesco Totti si svela all'Intervista con Maurizio Costanzo: Ilary Blasi, i figli e i progetti futuri

ilary-blasy-francesco-totti-isabel_01

Francesco Totti a 40 anni si racconta all‘Intervista di Maurizio Costanzo; da Ilary Blasi – la donna che ha sposato nel 2005 – ai figli, sino al suo futuro dopo la Roma. Ed è proprio da sua moglie che si parte: “Mi ha colpito subito, appena ho incrociato il suo sguardo mi sono detto: questa è la donna della mia vita. Ho iniziato a mandarle dei messaggi, lei in quel periodo viveva tra Roma e Milano, non potevo vivermela al massimo. Io quando faccio una cosa, vado fino in fondo. Per un semplice motivo: in quel caso sapevo di fare la cosa giusta”. 

Per il primo appuntamento Totti si è presentato sotto casa di Ilary a bordo di una Ferrari: “Era l’unica macchina che avevo a disposizione, la mia si era rotta il giorno prima. È la persona più importante che ho vicino, mi dà serenità. È unica in tutto. Diventeremo campioni di burraco, bravi a giocare in tutti gli ospizi.” Ma se non fosse diventato calciatore, Francesco, che cosa avrebbe fatto? “Sul balcone di casa, al primo piano, lì facevo i compiti, in realtà fingevo di farli. Appena sentivo il rumore di un pallone in cortile, correvo fuori. Era il mio destino. Avrei fatto il benzinaio, mi piaceva l’odore“.

 

Ma è quando si parla dei suoi figli che Totti perde la consueta ironia e gli occhi si riempiono di lacrime: “Cristian è stato il primo, è innamorato alla follia di me e della Roma. Gioca nei pulcini ed è un bambino incredibile. Chanel? La vedi ed è già donna. Isabel? Mi ha “levato” la vita, ha chiuso il cerchio. Tra poco potremmo pensare al quarto, manca un altro maschio. Cristian lo vorrebbe. Quando è nato il primo non eravamo pronti per fare i genitori, ma poi abbiamo trovato il giusto equilibrio“.  Sul suo futuro lavorativo, invece, il capitano non si sbottona.