27 ottobre 2014

Festival del Cinema di Roma 2014, vincitori e red carpet

Il trionfo di Trash di Stephen Daldry

Stephen Daldry al Festival di Roma 2014

Sabato sera, si è chiuso il sipario sulla nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, l’ultima sotto la direzione artistica di Marco Müller.

Durante l’edizione di quest’anno sono stati presentati 113 film da 23 paesi in 366 diverse proiezioni, per un numero di partecipanti complessivo di oltre 150mila persone.

Per tutta la settimana, la kermesse ha animato l’Auditorium Parco della Musica con un programma fitto di red carpet, film in concorso e novità. Quest’anno, per la prima volta, sono state bandite le giurie togate, per tornare alla sua primaria vocazione di festa: i premi principali sono assegnati dal pubblico pagante con un voto espresso all’uscita della sala.

I riconoscimenti sono stati consegnati nella Sala Sinopoli dell’auditorium in una serata condotta dalla madrina Nicoletta Romanoff e con un parterre dove spiccava la presenza del presidente del Senato Pietro Grasso.

Il Premio del Pubblico BNL è andato a Trash di Stephen Daldry (Billy Elliot, Molto forte incredibilmente vicino), film ambientato in un quartiere degradato di Rio de Janeiro.

Il regista britannico ha donato il premio in denaro a una associazione a sostegno delle famiglie delle favelas, cosa che ha subito prodotto il raddoppio dell’assegno da parte di Luigi Abete della Bnl, main sponsor della manifestazione.

Il Premio del Pubblico per la sezione Cinema d’Oggi, invece, è andato a Shier gongmin/12 Citizens del regista cinese Xu Ang.

Il miglior film italiano è Fino a qui tutto bene (presentato nella sezione Prospettive Italia) di Roan Johnson.

Tra i documentari sono stati premiati Looking for Kadija di Francesco G. Raganato e Largo Baracche di Gaetano Di Vaio. Il Premio TaoDue Camera d’Oro per la migliore opera prima, infine, è andato a Escobar: Paradise Lost, diretto da Andrea Di Stefano e interpretato da Benicio Del Toro.

Nella gallery il red carpet di chiusura della kermesse, illuminato dalla madrina Nicoletta Romanoff in Valentino e l’elegantissima Maria Grazia Cucinotta in Armani!

Ecco i premi e i vincitori:
Premio del Pubblico BNL | Gala, in collaborazione con BNL Gruppo BNP Paribas – “Trash” di Stephen Daldry
Premio del Pubblico BNL | Cinema Italia Fiction – “Fino a qui tutto bene” di Roan Johnson
Premio del Pubblico | Cinema Italia Documentario – “Looking for Kadija” di Francesco G. Raganato
Premio del Pubblico | Mondo Genere – “Haider” di Vishal Bhardwaj
Premio del Pubblico | Cinema d’Oggi – “12 Citizens” di Xu Ang
Tutte le opere prime di lungometraggio presenti nelle diverse sezioni hanno concorso all’assegnazione del Premio TAODUE Camera d’Oro alla migliore opera prima, conferito a Laura Hastings-Smith produttrice di X+Y film diretto da Morgan Matthews, da una Giuria Internazionale diretta dal regista Jonathan Nossiter e composta dalla montatrice Francesca Calvelli, dall’attrice Cristiana Capotondi, dal regista, attore, produttore Valerio Mastandrea, e dalla regista Sydney Sibilia.
Assegnati già nel pomeriggio, nella Sala Petrassi, anche i Premi Collaterali alla nona edizione:
Premio Farfalla D’oro Agiscuol – Gone Girl di David Fincher
The SIGNIS Award – Ente dello Spettacolo (dotato di un premio di cinquemila euro) – Ex aequo: Fino a qui tutto bene di Roan Johnson e We are young. We are strong. di Burhan Qurbani. Menzione speciale: Biagio di Pasquale Scimeca
L.A.R.A. (Libera Associazione Rappresentanza di Artisti) al Miglior Interprete Italiano – Marco Marzocca per il film Buoni a nulla di Gianni Di Gregorio. Menzione speciale a Silvia D’Amico per il film Fino a qui tutto bene di Roan Johnson.
Premio AIC per la Migliore Fotografia – Luis David Sansans per Escobar: Paradise Lost di Andrea Di Stefano
Premio AMC al Miglior Montaggio – Julia Karg per We are young. We are strong. di Burhan Qurbani
Premio al Miglior Suono – A.I.T.S. – Last Summer di Leonardo Guerra Seràgnoli
Premio La Chioma di Berenice – al Miglior Truccatore – Simona Castaldi per Soap Opera di Alessandro Genovesi
Premio La Chioma di Berenice – al Miglior Acconciatore – Fabio Lucchetti per Soap Opera di Alessandro Genovesi
Premio Akai International Film Fest – Fino a qui tutto bene di Roan Johnson
Green Movie Award – Biagio di Pasquale Scimeca
Premio di critica sociale “Sorriso diverso Roma 2014″ – Film italiano: Biagio di Pasquale Scimeca. Film straniero: We are young. We are strong. di Burhan Qurbani.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.