31 agosto 2015

Estate 2015, boom del turismo di lusso in Italia

Vacanze da nababbi per arabi e russi

Turista arabo in Costa Smeralda

Le vacanze sono finite per i più, anche per i Paperoni che quest’estate hanno dato impulso come non mai al turismo di lusso nel Belpaese.

La crisi non sembra, infatti, aver toccato i super ricchi mondiali, che richiedono suite da 10.000 euro a notte, con maggiordomo, personal trainer e degustatore inclusi.

A certificare il trend è Bernabò Bocca, Presidente di Federalberghi: “secondo le nostre prime stime, l’affluenza 2015 nelle strutture extralusso, situate nelle regioni che già offrono questo tipo di servizi, oscilla tra un +10% e +20% rispetto allo scorso anno. Un vero e proprio boom, che coinvolge: la Costa Smeralda, Capri, le località top della Liguria, come Portofino, ma anche Milano, Como e la zona limitrofa, sia per l’Expo che per l’attrazione esercitata dalla città sulla comunità internazionale più ricca. Un’esplosione del turismo di lusso soprattutto proveniente dai paesi arabi, con un ritorno dei turisti statunitensi agiati, una stabile affluenza dei turisti italiani e una tenuta, nonostante tutto, di quelli russi. Ripeto: sono prime stime non numeri ancora ufficiali ma indicative di un trend”.

La tendenza è assolutamente confermata da uno dei top player del turismo di lusso, CastaDiva Resort & SPA di Blevio, struttura alberghiera a 5 stelle del lago di Como, che ha ospitato vip e personaggi pubblici, come: gli One Direction, Stevie Wonder, Robert De Niro, George Clooney, Gérard Depardieu e il miliardario Cane Gunther.

CastaDiva Resort & SPA

Andrea Luri, General Manager di CastaDiva, conferma: “dal punto di vista delle nazionalità l’affluenza più alta che registriamo quest’anno è rappresentata dagli arabi: Sauditi e Qatarioti in testa. Dal 12 luglio abbiamo ospitato una principessa saudita e una famiglia reale del Quatar. E abbiamo anche ricevuto una parte della corte del re saudita Salman, dopo la partenza, causata dalle polemiche, dalla Costa Azzurra a luglio. E poi è stato utile anche il calendario di quest’anno: il periodo di Ramadan quest’anno intercorreva tra metà giugno e la seconda settimana di luglio, lasciando quindi libero il periodo di luglio e agosto, da cui il boom di presenze dalla Penisola Araba.”

Quanto al cliente italiano, secondo Andrea Luri il dato è stabile: “il dato rimane costante e stabile, va detto pero che il 90% della nostra clientela è estera: rispetto al 2014 registriamo più 40% di presenze dai paesi arabi, una costante affluenza dei clienti russi pero di provenienza europea , che rimangono sostanzialmente invariati, una crescita delle presenze americane, che sono quasi raddoppiate e in percentuale crescono quanto gli arabi, ma che nel 2015 hanno un margine di spesa triplicato. Mentre tra gli europei registriamo una lieve crescita della Francia e una sostanziale stabilità da parte dei turisti tedeschi.”

“I super ricchi vogliono comfort assoluto e per questo non badano a spese. Una nostra suite costa 10 mila euro a notte. Per le ville più esclusive abbiamo liste d’attesa fino a fine settembre. Questa clientela esige staff dedicati e il maggiordomo disponibile h24. Non è un turista che si accontenta di servizi canonici. No, grazie al cielo i più facoltosi continuano a spendere e a investire sul turismo italiano.”

Dello stesso avviso Salvatore Madonna, proprietario dell’Hotel Byron di Forte dei Marmi, balzato alle cronache per aver imposto ai propri clienti il divieto di selfie: “la stagione sta andando alla grande, c’è un’ottima tenuta del mercato arabo, ma notiamo anche un ritorno di tedeschi, nordeuropei, francesi e nonostante tutto anche qualche russo. Tra i servizi più i richiesti i top manager richiedono il DNA della Salute, che è un’analisi personalizzata dello stato di salute, diurna e notturna, brevettata dal professor Ferruccio Bonino dell’Università di Pisa. Ma ci sono anche richieste stravaganti, come l’astrologo personalizzato che compila una previsione su misura.”

Hotel Byron

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.